Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Criminalità, aumentano i reati predatori: nel 2013 cresce del 20% il numero di rapine

I dati resi noti dal Comando Provinciale dei carabinieri durante il consueto incontro di fine anno con la stampa. In crescita anche i furti, ma "aumenta la risposta delle forze dell'ordine" con un maggior numero di arresti e denunce

(da sinistra) Il comandante della Legione Puglia, generale Claudio Vincelli. Il comandante provinciale, col. Rosario Castello

1.370 rapine compiute in provincia di Bari nei primi undici mesi del 2013: +20,5% rispetto al 2012. Ma crescono anche i furti: 30.870 contro i 28.866 dell'anno precedente (+6,9%). Dati che fotografano la situazione della criminalità nel barese mettendo in luce un forte aumento dei reati predatori, in cui probabilmente giocano un ruolo rilevante anche gli effetti della crisi economica.

I dati sono stati resi noti oggi dal Comando provinciale dei Carabinieri di Bari, nel corso del consueto incontro di fine anno con la stampa, che ha visto la partecipazione del comandante della Legione Puglia, generale Claudio Vincelli, del comandante provinciale, col. Rosario Castello, e del comandante del reparto operativo, ten. col. Fabio Ottaviani.

"In questi undici mesi del 2013 presi in esame - ha spiegato Ottaviani - si evidenzia un forte aumento dei reati come furti e rapine, ma è aumentata anche la risposta da parte delle forze dell'ordine". Nel 2013, infatti, gli arresti compiuti dai carabinieri hanno fatto registrare un incremento del 10,2% (passando da 1.935 a 2.132), così come anche le denunce sono passate da 6.995 a 7.637, aumentando del 9,2%. In particolare, le persone denunciate per furti sono state 1.287, quelle denunciate per rapine 397. In aumento anche gli arresti compiuti dal Nucleo radiomobile, il reparto di "pronta emergenza" dei carabinieri, che sono passati dai 148 del 2012 ai 178 del 2013.

Tra le principali operazioni compiute dai Carabinieri nell'anno che sta per concludersi, l'arresto di tre persone, vicine al clan Strisciuglio, per gli omicidi di mafia Napoli-Dellino compiuti a Bitonto; l'arresto, a Molfetta, di quattro giovanissimi ritenuti responsabili dello stupro di una minorenne; lo smantellamento di un gruppo criminale ritenuto vicino al clan Parisi e dedito alle estorsioni nei confronti di imprenditori e commercianti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Criminalità, aumentano i reati predatori: nel 2013 cresce del 20% il numero di rapine

BariToday è in caricamento