Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Crollo a Barletta, si indaga per omicidio colposo

In queste ore gli investigatori stanno ascoltando numerosi testimoni del crollo e raccogliendo informazioni sui risultati del sopralluogo fatto venerdì 30 settembre scorso nello stabile crollato da vigili del fuoco e tecnici comunali

Sono in corso indagini serrate a Barletta per accertare cause ed eventuali responsabilità del crollo della palazzina di via Roma, nel quale sono rimaste uccise quattro donne e una ragazzina di 14 anni. Il fascicolo d'inchiesta della Procura della Repubblica di Trani, aperto cià poche ore dopo la tragedia, è per disastro colposo e omicidio colposo plurimo, anche se, fanno sapere da Trani, nessun nome è stato ancora iscritti nel registro degli indagati.

I TESTIMONI - In queste ore gli investigatori stanno ascoltando numerosi testimoni: abitanti della palazzina che si trovavano fuori casa al momento del crollo, ma anche passanti e automobilisti che si sono trovati ad assistere alla tragedia e hanno raccontato di aver visto la palazzina "accartocciarsi" su sè stessa, lasciando pensare ad un cedimento strutturale dell'edificio.

IL SOPRALLUOGO DEL COMUNE - Al vaglio degli investigatori anche le numerose denunce di cittadini ralativi ei rischi per la staticità dell'edificio in seguito all'abbattimento di un rudere attiguo alla palazzina. Polizia a carabinieri stanno acquisendo i documenti relativi al soppralluogo chiesto dagli abitanti della palazzina all'ufficio tecnico del Comune e avvenuto venerdì 30 settembre, soltanto tre giorni prima del crollo. E' stata anche sequestrata la documentazione relativa alle autorizzazioni ottenute nel tempo per svolgere i lavori di demolizioni propedeutici alla costruzione del nuovo manufatto da parte del proprietario dell'area e dell'impresa edile alla quale erano stati affidati i lavori.

L'ATTIVITA' DEL MAGLIFICIO - La Guardia di Finanza ha invece acquisito la documentazione relativa all'attività dell'opificio ubicato al piano terra della palazzina, per verificare se le operaie (quattro delle quali morte, insieme alla figlia dei titolari dell'attività) fossero regolarmente assunte e se fosse rispettata la normativa in materia di sicurezza sui posti di lavoro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo a Barletta, si indaga per omicidio colposo

BariToday è in caricamento