"Oggi il cartongesso, domani il tetto?", striscione di protesta al 'Giulio Cesare'

L'iniziativa di Blocco studentesco a pochi giorni dal crollo di alcuni pannelli in un corridoio dell'edificio: "Da anni parliamo di sicurezza scolastica, ma in questo edificio è un optional"

Uno striscione per protestare e richiamare l'attenzione sul tema della sicurezza scolastica. "Oggi il cartongesso, domani il tetto?", è il messaggio affisso dai ragazzi di Blocco  Studentesco all'esterno della sede centrale dell'Istituto Giulio Cesare, dove nei giorni scorsi si è verificato il crollo di alcuni pannelli di cartongesso dal controsoffitto di un corridoio.

"Da anni e anni parliamo di sicurezza scolastica – inizia così la nota del Blocco Studentesco - e della revisione completa degli istituti della provincia, dopo anche le azioni allo Scacchi e Panetti ci ritroviamo ad essere presenti anche al Giulio Cesare. In quest’ultimo istituto, sotto gli occhi di tutti, da anni a questa parte la sicurezza è un optional, ma qualcuno ancora sostiene il contrario, e la scorsa mattina ne abbiamo avuto la conferma. Vista la gravità dell’incidente con il crollo del controsoffitto al primo piano, durante lo svolgimento di una regolare lezione".

"Con quale incoscienza si dichiara che l’istituto è sicuro, se dopo i controlli "effettuati" il soffitto crolla - continua la nota - fortunatamente non c’erano studenti in quel momento altrimenti si sarebbe parlato di tragedia. Oltretutto continuando a mettere a repentaglio la vita degli studenti, ai quali è stato imposto di continuare le lezioni fini al regolare svolgimento anziché chiamare da subito gli addetti ai lavori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'inefficienza delle istituzioni da diversi anni a questa parte ha portato a questo. In un'area metropolitana -conclude nota dei ragazzi del Blocco Studentesco - in cui sono all'ordine del giorno casi di disagi legati alle strutture scolastiche, la Città Metropolitana dovrebbe creare delle commissioni edilizie interne ad ogni istituto formate da studenti, docenti e genitori eletti annualmente, che devono interagire direttamente con la Regione, che si dovrà prendere carico di provvedere alle problematiche di ogni singolo istituto. Non possiamo più permettere che nel 2019 accadano queste cose, daremo battaglia a dirigenza e istituzioni di competenza affinché non si verifichino situazioni simili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento