Da Acquaviva delle Fonti arrivano novità e risultati per i non vedenti a causa della retinite pigmentosa

Esperti e professionisti di oftalmologia si sono riuniti all’Ospedale Miulli della cittadina del barese per la Conferenza Internazionale Vitreo-Retina Forever, che ha permesso di fare il punto su quanto si sta facendo per chi non vede più a causa di questa patologia degenerativa della retina

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Novità di grande interesse sono state rese note alll'Ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti per chi soffre di Retinite Pigmentiosa: in particolare, sono state rese note le analisi dei risultati dei dati della protesi retinica Argus II, presentate dalla Professoressa Assistente di Oftalmologia dell'USC - Eye Institute - Dott.Lisa Olmos de Koo - e pubblicati dall'American Academy of Ophthalmology.

L'impianto di protesi retinica è indicato per i pazienti nonvedenti a causa della Retinite Pigmentosa, di almeno 25 anni di età, con il nervo ottico funzionante e con una storia pregressa di visione funzionale utile.

La Dott.Prof. Olmos de Koo ha descritto come "molto promettenti" I dati dei risultati di tre anni di test della funzione visiva della protesi retinica Argus II.

"90% dei soggetti impiantati hanno ottenuto risultati significativi e oltre la metà nella vista della direzione del movimento e metà nella profondità. Questi risultati si traducono nella quotidiana vita reale come sapere dov'è una porta o una finestra, l'avvicinarsi di una persona o di un veicolo" ha detto la Dott.Prof. Lisa Olmos de Koon. Certamente FLORA (Funcional Low Vision Assessment Rating) ha dimostrato che la maggioranaza dei pazienti ha avuto concreti e positivi benefici con l'impianto Argus II."

L'occhio bionico è ora una realtà, punto di partenza e non di arrivo, per migliorare la qualità della vita delle persone che soffrono di una malattia degenerativa come la retinite pigmentosa.

Torna su
BariToday è in caricamento