menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donate per Natale ai piccoli pazienti, vandalizzate le macchinine di Oncoematologia del Policlinico

La denuncia dell'associazione Agebeo e amici di Vincenzo Onlus: "Non si spengono i sorrisi dei bambini, saranno prontamente riparate"

Donate a dicembre, a pochi giorni da Natale, al reparto di Oncoematologia pediatrica del Policlinico, e ora vandalizzate. A denunciare il fatto, attraverso Fb, è l'associazione che aveva promosso l'iniziativa, Agebeo e Amici di Vincenzo Onlus.

"Ieri le nostre volontarie che si sono recate nel Reparto di Oncoematologia Pediatrica hanno fatto una triste scoperta - scrivono dall'associazione - Due delle macchinine elettriche donateci da Antonello Chiarappa per allietare le giornate dei nostri piccoli ricoverati nel Reparto e posizionate al primo e al secondo piano della palazzina, sono state danneggiate. Alla 500 rosa, che era stata posizionata al primo piano, è stato addirittura divelto il volante e rotta la barra che collegava il volante al pannello di guida. Alla Jeep, che era stata posizionata al secondo piano, sono stati scollegati i fili di alimentazione alle suonerie e per caricare la batteria elettrica". 

Ma i volontari non si arrendono e lanciano un messaggio chiaro agli autori del danneggiamento: Chiunque sia stato non ha fatto un danno a noi dell'Agebeo o al nostro donatore, ma lo ha fatto ai nostri bambini. Chiunque sia stato non ha esitato a spegnere i sorrisi dei nostri bambini. Non vogliamo sapere chi sia stato. Sappiate solo che le macchinine saranno prontamente riparate e riportate ai piani del Reparto di Oncoematologia Pediatrica. Sappiate solo che la Direzione Generale e la Direzione Sanitaria del Policlinico di Bari saranno informate del danno procurato ai nostri bambini. Perché non si tratta di una questione di soldi, di prestigio o di voler fare le prime donne. Si tratta di una questione di principio. I sorrisi dei nostri bambini non si spengono con gesti vandalici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento