rotate-mobile
Cronaca

Capodanno, Decaro 'spegne' la musica: "Stop anche a bottiglie di vetro"

Ordinanza del sindaco, con restrizioni già da domani a mezzogiorno: vietata la vendita di cibo e bevande all'esterno dei locali tra Corso Vittorio Emanuele e strade limitrofe, piazza Mercantile e Ferrarese. Confermato il concertone con Capossela

Niente musica ad alto volume e stop alla somministrazione di bottiglie in vetro in Corso Vittorio Emanuele, nelle strade adiacenti e nei due principali luoghi di ritrovo del Borgo Antico, piazza Ferrarese e Mercantile. Dopo il brutale pestaggio di un ragazzo nel pomeriggio della Vigilia di Natale, il sindaco Antonio Decaro, al termine della riunione del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza pubblica in Prefettura, ha firmato un'ordinanza per evitare il ripetersi del caos di pochi giorni fa.

In piazza Libertà, infatti, si trasformerà nel cuore della festa per salutare il 2015. Sul palco in corso di allestimento a due passi dal Comune salirà, tra gli altri, anche Vinicio Capossela, in una serata che si preannuncia rigida dal punto di vista climatico: "Vi saranno maggiori controlli - ha spiegato il primo cittadino - nell'area della movida, all'interno e all'esterno dei locali". Stop alla musica 'a palla' e alle bottiglie di vetro, divieto di vendita all'esterno di alimenti e bevande: l'ordinanza sarà attiva dalle 12 alle 24 di domani e dal mezzogiorno del 31 fino alle 3 di notte del Primo dell'anno: "Più vigilanza - preannuncia Decaro - per far rispettare il divieto di somministrazione di alcolici ai minori. Abbiamo incrementato le verifiche anche dopo aver parlato con i gestori. Le sanzioni sono quelle previste dal codice civile e dal codice penale".

Giro di vite, dunque, per cancellare un episodio indegno, a corollario di una giornata nella quale spesso si è andati decisamente al di sopra delle righe e della legalità: "Quel pestaggio spregevole - afferma il sindaco - non ha nulla a che fare con la movida. Spesso, in passato, sono stato proprio io a denunciare fatti analoghi nella zona. Per quanto riguarda tutte le attività legate al divertimento abbiamo creato un sistema con le Forze dell'Ordine per vivere in sicurezza questi tre giorni, perché l'intendimento del Comune è quello di avere un Capodanno di Festa all'interno di un cartellone fino all'Epifania per dare una spinta economica alla città. Quell'ignobile gesto ha rovinato un po' tutto".

Decaro è pronto anche a sfidare qualche malumore tra gli esercenti: "Alcuni commercianti vogliono chiudere? Sono problemi loro - risponde -. Avevo già minacciato di farlo perché non si può mettere quel tipo di musica, ad alto volume, per attirare una certa tipologia di persone. Sappiamo che davanti ad alcuni locali si spaccia anche la droga. Non si può creare una sorta di discoteca all'aperto non autorizzata e dall'altro lato chiedere più sicurezza, Forze dell'Ordine e magari anche raccolta straordinaria di rifiuti pagata con i soldi dei cittadini".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno, Decaro 'spegne' la musica: "Stop anche a bottiglie di vetro"

BariToday è in caricamento