Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca San Giorgio / Via Gentile Giovanni

"Case parcheggio" in via Gentile: dopo lo sgombero, il degrado

A inizio agosto le famiglie che da 30 anni occupavano gli alloggi sono state trasferite nelle nuove palazzine popolari. Ma la demolizione, prevista subito dopo lo sgombero, non è ancora avvenuta. La denuncia del consigliere Pdl Sgambati

Le case alloggio transennate in via Gentile

Dopo lo sgombero, l'abbandono e il degrado. A inizio agosto le 84 famiglie che da quasi trent'anni occupavano le "case parcheggio" di Japigia sono state finalmente trasferite nelle nuove palazzine popolari di via Archimede. Subito dopo lo sgombero, si era detto allora, nelle vecchie case in via Gentile sarebbero iniziati i lavori di demolizione, per preparare la zona ai lavori di riqualificazione previsti dal Pirp.

Da allora è passato all'incirca un mese, ma di quei lavori non c'è traccia, e i vecchi alloggi,  i cui ingressi sono stati nel frattempo transennati, restano abbandonati al degrado. I rifiuti si accumulano, le erbacce crescono, e così cresce la preoccupazione dei residenti della zona, che chiedono che i lavori di bonifica previsti abbiano finalmente inizio. A farsi portavoce delle richieste dei cittadini è il consigliere circoscrizionale del Pdl Claudio Sgambati, che ha effettuato un sopralluogo nella zona, con tanto di 'reportage fotografico' per testimoniare le condizioni in cui versano le case.

“Chiediamo al Sindaco di Bari - scrive Sgambati in una nota - di intervenire e disporre l'immediata bonifica dell'intera area transennata, al fine di ripristinare le condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza pubblica". "Tutto questo - conclude il consigliere - nel rispetto della dignità dei residenti della zona senza contare che con il prolungarsi dei tempi per l'abbattimento dei ruderi il rischio di occupazioni abusive diventa ogni giorno sempre più concreto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Case parcheggio" in via Gentile: dopo lo sgombero, il degrado

BariToday è in caricamento