menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Erbacce, incuria e atti vandalici nel centro sportivo di Mungivacca: "Costato milioni di euro, abbandonato da anni"

La denuncia del consigliere comunale di Fratelli d'Italia: consegnata al Comune nel 2017, la struttura mostra i segni del degrado: "Ennesimo spreco pubblico"

Una struttura "costata diversi milioni di euro", ma "abbandonata da almeno tre anni". E così, ad erbacce alte e sporcizia, nei giorni scorsi si sarebbe aggiunta anche l'incursione dei vandali. 

A denunciare la situazione in cui versa il centro sportivo di Mungivacca è Filippo Melchiorre, consigliere comunale di Fratelli d'Italia. Dal 2017 la struttura, realizzata nel 2011 dalla Debar nell'ambito di un intervento di riqualificazione del quartiere, è stata consegnata al Comune. Da allora, però, sarebbe stata abbandonata al suo destino: "Il centro sportivo di Mungivacca, abbandonato da almeno tre anni, ha subito nei giorni scorsi anche la visita di vandali - afferma Melchiorre -  La porta d’ingresso degli spogliatoi è aperta ed è dimora di animali di ogni tipo.  Erbacce, sporcizia, condizioni insalubri, campi di calcetto e di basket abbandonati e patio in condizioni vergognose sono le immagini dell’ennesimo spreco pubblico".

centro sportivo mungivacca2-2

"Può una struttura costata diversi milioni di euro essere abbandonata così? - prosegue il consigliere -  Non basta inaugurare, tagliare i nastri per  raccogliere facili consensi in campagna elettorale e poi lasciare al loro destino, senza una gestione programmata, strutture così importanti per promuovere l’esercizio della pratica sportiva, oltre che essere presidi di legalità". Melchiorre ha annunciato un'interrogazione urgente al sindaco Decaro "per capire chi sono i responsabili dell'abbandono di tale struttura e, soprattutto, se sono stati stanziati fondi per il suo recupero".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento