menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Recinzioni divelte, rifiuti, luci spente: il 'parco della legalità' nel degrado

Dall'area verde di via De Ribera, al quartiere San Paolo, la denuncia del consigliere comunale Caradonna: "Terra di nessuno. Quando gli interventi di manutenzione?"

"Un Parco che poteva essere centro di aggregazione sociale e invece è in completo stato di abbandono con altalene fantasma, divani abbandonati, bagni chiusi, zone incendiate, telecamere non funzionanti (sembrerebbe), lampioni spenti, immondizia ovunque, bottiglie rotte ed assenza di guardiania… insomma la terra di nessuno".

La denuncia, sulle condizioni del 'parco della legalità', in via de Ribera, al quartiere San Paolo, arriva dal consigliere comunale Michele Caradonna, che raccogliendo le segnalazioni di alcuni residenti si è recato sul posto.

"Questo succede - commenta Caradonna - quando alle inaugurazioni, alle intitolazioni non segue un vero impegno e anche l’amministrazione comunale che dovrebbe garantire decoro e sicurezza per i suoi cittadini si lascia sopraffare dall’inciviltà e dal senso di distruzione di alcuni. "Il Parco è stato intitolato “Parco della Legalità” “…per non dimenticare il sacrificio di quanti quotidianamente si prodigano per difenderla..”. In realtà una volta entrati, attraverso una delle tante recinzioni divelte si presenta un vero teatro di degrado e vandalismo, una chiara sconfitta per le Istituzioni".

Il consigliere fa sapere di aver richiesto attraverso una interrogazione l’elenco degli interventi realizzati e dei costi sostenuti per il Parco fino ad oggi oltre a una chiara indicazione dei servizi attualmente attivi e per i quali l’amministrazione comunale sta sostenendo dei costi, poiché non c’è ombra di controllo o di alcun tipo di manutenzione del verde in zona. "Nell’interrogazione ho poi richiesto per il futuro cosa ha previsto l’amministrazione in termini di interventi, costi ma soprattutto di misure da adottare per contrastare realmente gli atti di vandalismo, per la tutela del parco e della sicurezza di chi vorrebbe frequentarlo” insomma per il ripristino e la salvaguardia della Legalità.. nel Parco che vorrebbe celebrarla".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento