Cronaca Monopoli

Delfino trovato morto nelle acque di Monopoli: "Morto per asfissia, forse rimasto intrappolato in una rete"

L'esemplare è stato recuperato nella zona del porto commerciale: secondo prime ipotesi, potrebbe essere rimasto impigliato in qualche rete posizionata sottocosta

Gli operatori del porto commerciale di Monopoli lo conoscevano: da qualche tempo, infatti, pare che il delfino nuotasse abitualmente nella zona. Questa mattina, però, quell'esemplare di tursiope adulto, è stato trovato privo di vita.

Sono stati gli stessi portuali a dare l'allarme, facendo scattare l'intervento della Capitaneria di Porto di Monopoli, insieme al Servizio Veterinario Area C di Polignano e a Pasquale Salvemini, responsabile del Centro di recupero tartarughe marine WWF di Molfetta.

Non semplici le operazioni di recupero dell'esemplare, lungo circa 3 metri per un peso di 400 chili, che è stato poi trasportato presso l'Istituto Zooprofilattico di Foggia per l'esame necroscopico. Da una prima ispezione della carcassa, tuttavia, sembra possibile ipotizzare che l'esemplare sia morto per asfissia, probabilmente perché rimasto impigliato in qualche rete da posta: "Si tratta di reti lunghe anche diverse centinaia di metri che vengono posizionate in acqua sottocosta - spiega Salvemini - Alcune tracce rilevate da una prima ispezione sulle pinne ci inducono a pensare che la causa siano state le reti, gli esami ci sapranno dire con certezza, escludendo anche altre cause".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delfino trovato morto nelle acque di Monopoli: "Morto per asfissia, forse rimasto intrappolato in una rete"

BariToday è in caricamento