menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vaccini consegnati con il contagocce", i medici di base denunciano i ritardi: "Scorte quasi esaurite per la seconda dose"

La nota del presidente dell'Omceo Bari, Filippo Anelli. "Se continua così, la campagna di vaccinazione ad opera della medicina generale si dovrà fermare" spiega.

"Purtroppo, i vaccini arrivano ai medici di medicina generale con il contagocce. E nelle Asl anche le scorte per le seconde dosi sono quasi esaurite". Appello dei medici di Medicina generale per la mancanza di dosi per la campagna pugliese, che ricordano come "Se continua così, la campagna di vaccinazione ad opera della medicina generale si dovrà fermare" spiega Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei medici di Bari e della Federazione nazionale degli Omceo.

"In questi giorni i medici negli hub e negli ambulatori hanno mostrato uno spirito di abnegazione ammirevole per arginare attraverso l’accelerazione della campagna vaccinale il diffondersi del contagio e di conseguenza il tasso di mortalità e per rimediare alla situazione critica della nostra Regione - continua Anelli - Purtroppo, se non ci sono i vaccini, nonostante il sacrificio e l’impegno di tanti colleghi, si può fare poco". Anelli a nome dell’Ordine ha espresso in una nota sostegno e solidarietà a tutti i colleghi che si trovano in prima linea per la campagna vaccinale, "che spesso sono il frontend su cui si scarica la rabbia di chi non ha potuto ancora accedere al vaccino e magari si trova in una condizione di fragilità". "Ai cittadini chiedo comprensione e collaborazione, perché medici e pazienti stanno dalla stessa parte nella lotta alla pandemia - conclude - Quei medici che vi trovate di fronte sono gli stessi che fino a qualche settimana fa chiamavate eroi e che oggi sono coloro che sono pronti a farvi i vaccini purché disponibili". 

Le dichiarazioni di Anelli seguono quelle di Emiliano, che oggi aveva ricordato come "In Puglia potremmo vaccinare tutta la popolazione in un mese e mezzo, ma non abbiamo proiettili quinci centelliniamo i caricatori". Lo stesso presidente della Regione Puglia, ieri, ha scritto al commissario Figliuolo chiedendo di anticipare la distribuzione delle dosi per non essere costretti a bloccare le somministrazioni. Secondo i calcoli della Regione nei magazzini attualmente ci sono circa 20mila sieri complessivamente e prima di mercoledì non ci saranno consegne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento