Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Differenziata, ristoratori nel mirino dell'Amiu: "Basta alibi, procederemo con le sanzioni"

Il presidente Grandaliano conferma la linea dura contro gli esercenti. Domenica scorsa l'Amiu ha effettuato controlli sui rifiuti conferiti da esercizi commerciali cittadini: "Abbiamo prove, anche fotografiche, che dimostrano come la raccolta differenziata sia praticamente pari allo zero"

Rifiuti in via Caccuri a luglio scorso - I controlli dell'Amtab fecero emergere che si trattava di rifiuti gettati , senza alcun criterio, dai ristoratori della zona

Tolleranza zero verso gli esercizi commerciali che non effettuano la raccolta differenziata. Alla luce dei risultati della terza domenica dell'ordinanza che vieta il conferimento di rifiuti indifferienziati, il presidente della municipalizzata, Gianfranco Grandaliano, conferma la linea dura nei confronti degli esercenti - ristoratori in particolare - che continuano a non differenziare i rifiuti.

"All’inizio era la frequenza della raccolta troppo bassa, poi l’assenza dei cassonetti per la raccolta dell’organico, quindi la mancanza di aree dedicate… a questo punto siamo curiosi di sapere quale sarà la prossima scusa, magari che i colori dei cassonetti sono poco attraenti o che i modelli dei bidoni non sono abbastanza alla moda” ironizza Grandaliano, che poi afferma: "Non esiste la reale volontà, da parte di molti esercenti di Bari, in particolare dei ristoratori, di effettuare la raccolta differenziata".

E a questo proposito il presidente cita i controlli effettuati sui rifiuti conferiti da alcuni pub e ristoranti nella giornata di domenica: "Siamo in possesso di prove inconfutabili, anche fotografiche, acquisite aprendo i bustoni conferiti domenica scorsa da esercizi commerciali cittadini, che dimostrano come la raccolta differenziata sia praticamente pari allo zero". "Eppure - sottolinea Grandaliano - le condizioni per differenziare ci sono tutte e smontano ogni alibi: è in fase di completamento l’istallazione di 2500 cassonetti per l’organico sull’intero territorio cittadino, l’informazione è stata realizzata a tappeto, senza dimenticare che gli esercizi commerciali possono contattare l’Amiu per richiedere cassonetti da utilizzare nella propria attività per dar vita a una raccolta differenziata spinta. Eppure, allo stato attuale, di richieste ne sono arrivate davvero poche e in molti casi solo dopo la minaccia di una denuncia alla Procura della Repubblica".

“Attraverso una raccolta differenziata spinta – spiega ancora il presidente dell’Amiu – il rifiuto residuo da conservare nelle giornate colpite dall’ordinanza sarebbe davvero minimo, come il disagio per gli esercizi commerciali. Certo, se ci si nega a prescindere a differenziare i disagi aumentano, per tutti”.

"Useremo le prove in nostro possesso per sanzionare i commercianti e i ristoratori che si sono resi protagonisti di un errato conferimento - annuncia Grandaliano - Allo stesso modo incrementeremo i controlli prestando particolare attenzione agli esercizi commerciali e chiederemo al corpo della Polizia Municipale di fare altrettanto, con altrettanta inflessibilità. Tuttavia, confermiamo la piena disponibilità a dialogare con gli esercenti che ne facciano richiesta per promuovere la raccolta differenziata fra gli stessi, a patto che ciò non significhi violare le regole stabilite dall’ordinanza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Differenziata, ristoratori nel mirino dell'Amiu: "Basta alibi, procederemo con le sanzioni"

BariToday è in caricamento