menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontro tra treni sulla Andria-Corato, per gli inquirenti strage causata da "più errori umani"

Incontro in procura, a Trani, tra la Polizia e i pm che coordinano l'inchiesta sulla tragedia avvenuta il 12 luglio dello scorso anno, nella quale morirono 23 persone e 50 ne rimasero ferite

Sarebbe stata causata da "plurimi errori umani" forse compiuti "da più di tre" dipendenti della società Ferrotramviaria la tragedia dei due treni scontratisi il 12 luglio 2016 sulla tratta Andria-Corato, con la mrte di 23 persone e il ferimento di altri 50 passeggeri: è quanto sarebbe emerso dall'incontro, svoltosi in Procura a Trani tra i magistrati e la Polizia, organizzato con l'obiettivo di fare il punto sulle indagini, valutando le migliaia di elementi di prova finora raccolti per accertare le responsabilità del disastro. Gli inquirenti, oltre all'errore umano, stanno valutando se l'incidente possa essere stato causato anche dal  sistema "obsoleto e insicuro" del blocco telefonico. L'errore, per gli investigatori, sarebbe di più persone ed, eventualmente, non solo del capostazione di Andria che avrebbe dato erroneamente il via al treno ET1021 diretto verso Corato, scontratosi frontalmente sulla tratta a binario unico con il treno ET1016 partito da Corato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento