Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Coronavirus, arriva lo stop per discoteche e sale da ballo: chiuse fino al 7 settembre

La decisione del governo al termine del vertice con le Regioni. Preoccupa la risalita dei contagi. Previsto anche l'obbligo di mascherine, anche all'aperto, dalle 18 alle 6 su tutto il territorio nazionale

Discoteche e sale da ballo chiuse su tutto il territorio nazionale, da domani, 17 agosto, almeno fino al 7 settembre. E' arrivata nel pomeriggio, al termine del vertice convocato in videoconferenza con le Regioni, la decisione del governo. Alla base dell'ordinanza firmata dal ministro della Sanità, Roberto Speranza, i dati nuovamente in crescita dei contagi da Covid-19. 

"I numeri del contagio in Italia, anche se tra i più bassi in Europa, sono in crescita - afferma su Fb il ministro Speranza annunciando l'ordinanza - Non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati. La nostra priorità deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza".

Nelle nuove disposizioni anche una stretta sull'utilizzo della mascherine: diventa obbligatorio "dalle ore 18 alle 6 sull'intero territorio nazionale usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/occasionale". Nel testo dell'ordinanza firmata da Speranza viene inoltre specificato che "non sono ammesse deroghe con ordinanze regionali".

Boccia: "Ristoro per le attività che subiranno perdite"

"L'Italia resta uno dei Paesi più sicuri al mondo per la sicurezza sanitaria; - commenta su Fb il ministro per gli Affari Regionali Boccia - questa condizione non è casuale ma figlia dei sacrifici che abbiamo fatto e che vanno difesi. Ora è il momento di andare avanti, limitando al massimo le attività che presuppongono contatti fisici e assembramenti incontrollabili. Utilizziamo il passaggio parlamentare del Dl agosto per ristorare le attività che subiranno perdite".

Emiliano: "In Puglia nessun contagio legato a discoteche, chiesto sostegno per il settore"

Il presidente della Regione, Michele Emiliano, commenta così su Fb il provvedimento:  "Il Governo d’intesa con le Regioni Italiane ha deciso di chiudere tutte le discoteche e i locali da ballo italiani e di vietare tutti gli assembramenti nelle strade, nelle piazze e nelle spiagge libere imponendo l’obbligo di mascherina anche nelle strade pubbliche negli orari di maggior afflusso. Nonostante l’assenza di contagi e cluster derivanti da discoteche pugliesi, la Regione Puglia aveva adottato nei giorni scorsi analogo provvedimento di obbligo di mascherina in discoteca e nei luoghi all’aperto dove si creano assembramenti e movida. La Regione Puglia ha richiesto oggi che al nuovo provvedimento di lockdown del settore - che è bene che voi sappiate provocherà danni economici rilevantissimi - segua da parte del Governo immediatamente un provvedimento a sostegno delle imprese, dei lavoratori e degli artisti del settore".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, arriva lo stop per discoteche e sale da ballo: chiuse fino al 7 settembre

BariToday è in caricamento