Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Bloccato in Puglia il lotto 'sospetto' del vaccino AstraZeneca, Lopalco: "Atto automatico dopo comunicazione dell'Aifa"

La decisione dell'Agenzia dopo le segnalazioni "di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi". L'assessore: "Vaccinazioni proseguiranno con altri lotti"

Anche in Puglia è stato bloccato l'utilizzo del lotto ABV2856 del vaccino Astrazeneca. "Un atto automatico dopo la comunicazione dell'Aifa" è il commento dell'assessore regionale alla Sanità, Pier Luigi Lopalco, all'Agenzia Dire, che segue la decisione dell'Agenzia italiana del farmaco dovuta alla "segnalazione di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi appartenenti al lotto ABV2856, ha deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo del lotto su tutto il territorio nazionale e si riserva di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l'Ema, l'Agenzia del farmaco europea".

Dall'Agenzia sottolineano che "al momento non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e tali eventi" e sono in corso "tutte le verifiche del caso, acquisendo documentazioni cliniche in stretta collaborazione con il Nas e le autorità competenti". I campioni del lotto verranno analizzati dall'Istituto Superiore di Sanità. "Le attuali vaccinazioni - prosegue l’assessore Lopalco – proseguiranno con altri lotti. Vogliamo tranquilizzare i cittadini: il sistema di sorveglianza attiva è stato attivato a largo raggio e non è necessario rivolgersi al sistema sanitario per informazioni sul numero di lotto di vaccino ricevuto. I vaccini sono sicuri, sono l’unico mezzo conosciuto per stroncare la pandemia e questi alert dimostrano che il sistema di sorveglianza ha livelli altissimi a livello europeo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bloccato in Puglia il lotto 'sospetto' del vaccino AstraZeneca, Lopalco: "Atto automatico dopo comunicazione dell'Aifa"

BariToday è in caricamento