Don Giuseppe De Candia: il dialetto, una risorsa

Come racconta Don Giuseppe de Candia, padre spirituale dei molfettesi nel mondo, in questo suo lavoro artigianale, suoi i filmati, descrive il nostro dialetto che non diventa mai vecchio, anzi ci aiuta anche a coltivare l'amicizia e tanto altro.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Sempre attivo il "nostro" Don Giuseppe de Candia, Padre spirituale dei molfettesi nel mondo e Direttore Migrantes Puglia, il suo lavoro di ricerca del vernacolo molfettese, i suoi video realizzati personalmente, oggi inseriti sul canale you tube dell'associazione Oll Muvi, quelli di I Love Molfetta hanno continuamente visualizzazioni da tutto il mondo.

Pubblichiamo un quarto video realizzato da Don Giuseppe, dove racconta, in molfettese, la storia della campagna molfettese, gli alberi, il ciliegio, il mandorlo, e tanto altro ancora...

Un gran lavoro realizzato da don Giuseppe de Candia, evidenzia l'importanza "dell'intramontabile" dialetto molfettese che lega da sempre la città di Molfetta con i tanti emigrati all'estero.

Come racconta Don Giuseppe in questo lavoro artigianale, in questi filmati, il nostro dialetto non diventa mai vecchio, ci aiuta anche a coltivare l'amicizia e tanto altro.

Gran parte dei suoi filmati, sono un omaggio per l'impegno dell'associazione Oll Muvi, quelli di I Love Molfetta, che costantemente continua a mantenere vive le radici con i tanti emigrati molfettesi sparsi per il mondo, anche attraverso questi suoi "preziosissimi" filmati che raccontano le origini molfettesi.

"Welcome to Molfetta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento