menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo dpcm, dopo Pasqua tutta Italia in zona rossa e arancione: scuole tornano in presenza fino alla prima media

E' quanto previsto dalla bozza del decreto del Governo che dovrebbe essere approvata nel pomeriggio. I governatori non potranno imporre ordinanze più restrittive sulla didattica. Prevista anche una deroga alle misure in determinati casi. Probabile permanenza in zona rossa per la Puglia

Ritorno in classe per le classi fino alla prima media e divisione delle regioni tra zone rossa/arancione. Sono le due novità emerse dalla bozza del nuovo decreto in attesa di approvazione dal Consiglio dei ministri, che regolerà i provvedimenti nel periodo dal 7 al 30 aprile. 

Le scuole

Come indicato nella bozza, "è assicurato in presenza sull’intero territorio nazionale lo svolgimento dei servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 e dell’attività scolastica e didattica della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e del primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado". Elemento su cui non potranno intervenire i governatori - come avvenuto in Puglia -, visto che la bozza non permette una deroga in tal senso. In base alla tipologia di zona, poi, si deciderà per le restanti classi: in zona rossa le attività della scuola secondaria di primo e secondo grado si svolgeranno esclusivamente a distanza, mentre in zona gialla e arancione integralmente in presenza (per i licei  bisognerà adottare "forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, affinché sia garantita l’attività didattica in presenza ad almeno il 50 per cento, e fino a un massimo del 75 per cento"). 

Niente zone gialle, ma possibili 'allentamenti' 

Se la bozza del decreto dovesse rimanere invariata, quindi, non sarà prevista una zona gialla per le regioni almeno fino a fine aprile. Dove si riscontrassero però dati epidemiologici rassicuranti e il progredire delle vaccinazioni, il decreto prevede possibili deroghe alle restrizioni, che quindi potrebbero permettere anche la riapertura di bar e ristoranti. Al tempo stesso nelle regioni nelle quali l'incidenza cumulativa settimanale dei contagi è superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti, scatterà il lockdown. In tutti gli altri casi, sarà la cabina di regia del Governo a decidere in base ai dati se collocare la Regione in zona arancione o rossa. Probabile che la Puglia - visti i dati dei ricoveri - mantenga il massimo grado di restrizione, come anticipato anche da Lopalco oggi. Per avere una conferma bisognerà attendere venerdì.

Obbligo vaccinale per i sanitari

Sempre in tema vaccini passa l'obbligo vaccinale per gli operatori sanitari, salvo la possibilità - in caso di rifiuto - di essere sospesi o demansionati, fino ad arrivare alla sospensione dello stipendio se necessario. Vale per tutti coloro che esercitano professioni sanitarie in strutture pubbliche e private, ma anche farmacie, parafarmacie e studi professionali. "La vaccinazione costituisce requisito essenziale all'esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati".

Tutti i dettagli sulla bozza del nuovo decreto nell'articolo di Today

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento