Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

C'è il nuovo Dpcm firmato da Conte: restrizioni fino a marzo, stretta sull'asporto. Riaprono i musei (in zona gialla)

Nasce anche la zona bianca, dove tutte le misure, ad eccezione di mascherina e distanziamento, sono cancellate: per rientrarci una regione dovrà avere un rt inferiore a 1 ma soprattutto un tasso d'incidenza al di sotto dei 50 infetti per 100mila abitanti

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo dpcm per le restrizioni anti Covid-19 valido da domani, 16 gennaio, al prossimo 5 marzo. Confermate tutte le indiscrezioni circolate nella bozza, a cominciare dallo stop degli spostamenti tra regioni fino al prossimo 15 febbraio, salvo casi di necessità, lavoro e salute con ritorno sempre consentito se verso residenza, domicilio o abitazione. Resta il coprifuoco tra le 22 e le 5 del mattino successivo. Alle tre zone di rischio ormai note, gialla, arancione e rossa, se ne aggiungerà una quarta, la bianca, dove tutte le misure, ad eccezione di mascherina e distanziamento, sono cancellate: per rientrarci una regione dovrà avere un rt inferiore a 1 ma soprattutto un tasso d'incidenza al di sotto dei 50 infetti per 100mila abitanti, un traguardo praticamente impossibile da raggiungere in queste settimane. 

Confermata ed estesa anche la regola, che ha debuttato durante le vacanze natalizie, che ammette un solo spostamento al giorno per due persone (a cui possono aggiungersi ragazzi sotto i 14 anni e diversamente abili conviventi) verso una sola abitazione di amici o parenti. Per la zona gialla lo spostamento è ammesso all'interno della regione, per quelle arancioni o rosse solo nel Comune. Per quanto riguarda i Comuni non superiori a 5mila abitanti è consentito, nelle regioni arancioni, lo spostamento verso altre località, entro i 30 km ma non verso i capoluoghi provinciali. 

Tra le novità vi è una stretta sull'asporto di bevande, consentito solo fino alle 18, per bar e locali simili senza cucina o enoteche e attività equiparabili: per il resto sono confermate le disposizioni anche in base alle zone con chiusure di ristoranti, caffetterie, pasticcerie nelle zone arancioni e rosse mentre resteranno aperti fino alle 18 nelle zone gialle. Il domicilio resta consentito senza limiti di orario. Chiusure confermate per palestre, piscine e centri benessere. Stop anche a cinema e teatri. Riaperti invece i musei: si potranno visitare se si è zona gialla e non in weekend o festivi. Via libera anche per le crociere. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è il nuovo Dpcm firmato da Conte: restrizioni fino a marzo, stretta sull'asporto. Riaprono i musei (in zona gialla)

BariToday è in caricamento