Cronaca

Carte e burocrazia, edicole a rischio in città? Il Comune: "Allarme esagerato"

A settembre gli operatori hanno ricevuto una lettera da Palazzo di Città sull'adeguamento al regolamento urbanistico del 2013: ciò comporterebbe costi aggiuntivi. Brandi: "Verremo incontro alle esigenze di tutti"

"Metà delle edicole di Bari a rischio? E' un allarme esagerato. Valuteremo tutto con le associazioni di categoria e caso per caso, cercando di minimizzare l'impatto per i singoli e la categoria": il vicesindaco e assessore comunale al Patrimonio, Vincenzo Brandi, interviene sull'allarme, lanciato nei giorni scorsi dai giornalai della città, dopo la lettera, ricevuta a settembre da parte degli uffici di Palazzo di Città, su un adeguamento delle strutture a un regolamento approvato nel 2013, per adempiere a prescrizioni urbanistiche della sovrintendenza. Un possibile salasso per gli operatori (le istanze sono 65), invitati anche a fornire planimetrie e documenti per i quali è chiesto il lavoro, ovviamente pagato, di un geometra o di altri professionisti del settore.

Nei giorni scorsi le associazioni di categoria hanno manifestato la loro contrarietà alle disposizioni e questa mattina hanno incontrato Brandi a Palazzo di Città: "E' solo un adeguamento - spiega il vicesindaco - a un regolamento licenziato con una seduta congiunta anche con le associazioni di settore. Per venire incontro agli operatori abbiamo sottoscritto un protocollo con l'Ordine dei Geometri per ottenere la documentazione necessaria al costo di 450 euro, con un risparmio del 50% rispetto ai tempi previsti. Le disposizioni sono valide per coloro che hanno l'edicola nella zona A, ovvero il centro Murattiano. Nella lettera da noi inviata, tra l'altro, non vi si fa menzione di tempi o prescrizioni temporali. In ogni caso verranno fatte valutazioni singole interloquendo anche col settore urbanistico e con la Soprintendenza" conclude Brandi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carte e burocrazia, edicole a rischio in città? Il Comune: "Allarme esagerato"

BariToday è in caricamento