Cronaca

Docente arrestata a Melbourne con la cocaina nella valigia: "Giunta da sola in Australia"

Proseguono le indagini di Squadra Mobile e Dda: la donna, insegnante in una scuola superiore barese, avrebbe raggiunto la città dell'emisfero Sud senza compagnia

Avrebbe viaggiato verso l'Australia senza compagnia e non con qualcuno, come inizialmente ipotizzato dagli inquirenti della Dda di Bari: Elisa Salatino, l'insegnante pugliese finita in manette all'aeroporto di Melbourne, a febbraio scorso, poiché trovata in possesso di 5kg di cocaina occultati in un bagaglio, avrebbe raggiunto la città dell'emisfero sud da sola. La donna, in base a quanto sarebbe emerso nel corso di alcuni approfondimenti investigativi della Squadra Mobile e della Procura, avrebbe dovuto alloggiare in un albergo per una settimana. Gli inquirenti, però, non hanno ancora accertato l'identità dell'amico che avrebbe regalato il viaggio alla docente, in base a quanto dichiarato da lei nel corso di una telefonata con il legale Oronzo de Leonardis, rappresentante della famiglia Salatino. 

L'insegnante dell'istituto Marconi di Bari, nell'ultimo periodo, avrebbe avuto problemi economici, ricevendo una lettera di sfratto e ricorrendo a prestiti di colleghi ai quali non avrebbe restituito il danaro, in base ad alcuni racconti dei docenti ai magistrati. Salatino avrebbe viaggiato in auto da Bari a Roma, in compagnia, facendo tappa a Flumri, in provincia di Avellino. La donna, in base a quanto riferito dal legale, sarebbe stata già interrogata dall'autorità giudiziaria australiana. Del colloquio, però, non vi è ancora conferma. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Docente arrestata a Melbourne con la cocaina nella valigia: "Giunta da sola in Australia"

BariToday è in caricamento