Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Crisi economica, Emiliano: "Nel 2012 costretti ad aumentare la pressione fiscale"

Dopo i tagli provocati dalla manovra finanziaria, il sindaco Emiliano annuncia l'aumento di tasse e tariffe. Sotto osservazione Ici, mense e trasporti pubblici

Il sindaco Michele Emiliano

Si preannuncia un 2012 di ferro dal punto di vista economico: dopo i tagli provocati dalla manovra finanziaria, infatti, il sindaco Emiliano annuncia probabili aumenti della pressione fiscale e dei prezzi di alcuni servizi. Il primo cittadino, a margine dell'incontro tenutosi ieri mattina con l'assessore al Bilancio Giovanni Giannini, prova a spiegare le motivazioni di questi aumenti portati in dote dalla riduzione delle risorse che, per la nostra città, potrebbe aggirarsi intorno ai 28 milioni di euro: "Noi rischiamo nel 2012, oltre ai 22 milioni di euro già previsiti di tagli, di doverne perdere altri 6. Questa sarà una mannaia che renderà impossibile redigere i bilanci di previsione e costringerà le amministrazioni comunali ad aumentare le tasse, a cancellare servizi come il Welfare e a privatizzare forzatamente le società partecipate. Per questo dovremo fare scelte obbligate, prevedendo quindi riduzioni sugli interventi sulle scuole e sui trasporti pubblici. Cercheremo ovviamente - prosegue Emiliano - di tutelare le famiglie meno abbienti ma questo comporterà necessariamente un aumento delle tariffe per le altre fasce. Saremo quindi costretti a incrementare la pressione fiscale per compensare i tagli". Emiliano, poi, passa al contrattacco sulle decisioni del Governo: "Sono fortemente preoccupato per gli effetti del decreto legge del 13 agosto. Ancora una volta il Governo ha manifestato la propria inadeguatezza ad affrontare con equità il tema della crisi economica in atto. I poteri finanziari gestiscono i processi economici globali e la politica non è all’altezza di governare i predetti processi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi economica, Emiliano: "Nel 2012 costretti ad aumentare la pressione fiscale"

BariToday è in caricamento