menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nominò dirigente "senza titoli e senza concorso", sequestrati beni all'ex commissario dell'Eipi

Il provvedimento disposto dalla Corte dei Conti per la vicenda relativa alla nomina "senza idoneo titolo e senza alcun concorso" dell'ex capo di gabinetto dell'Ente per lo Sviluppo dell'Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Lucania ed Irpinia

Un sequestro conservativo “ante causam” di beni è stato eseguito su richiesta della Sezione Giurisdizionale per la Puglia della Corte dei Conti nei confronti dell’ex Commissario Straordinario dell’EIPLI (Ente per lo Sviluppo dell'Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Lucania ed Irpinia) di Bari, il sessantaseienne Saverio Riccardi. Il sequestro, del valore complessivo di 370mila, eseguito dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari – Gruppo Tutela Spesa Pubblica, in collaborazione con ufficiali giudiziari dell’UNEP di Matera, ha riguardato  due appartamenti e due locali in Matera e Pomarico (MT) e tutte le ragioni di credito per somme dovute all'ex commissario dall’EIPLI stesso, dall’INPS e da alcuni Istituti bancari.

La nomina e le indagini

La vicenda amministrativa che ha provocato l’indagine contabile è relativa alla nomina, nel 2011, da parte di Riccardi, del geom. Gaetano Di Noia, fino ad allora operaio-tecnico alle dipendenze dell’EIPLI, a Capo di Gabinetto dell’organo di governo dell’Ente. "In sintesi - spiega una nota della Guardia di Finanza - il citato Capo di Gabinetto - assunto nel 2010 dallo stesso Commissario per ragioni di stabilizzazione del personale - si è trovato a passare, in un anno, senza idoneo titolo di studio e senza aver sostenuto alcun concorso pubblico, da una posizione contrattuale quale operaio tecnico inquadrato in area B1 (ex V qualifica funzionale) ad una di dirigente della pubblica amministrazione, promozione questa avvenuta con soli atti monocratici del Commissario Straordinario Riccardi, in aperta violazione dell’art 16 D.lgvo 165/2001 sul pubblico impiego ed in spregio di ogni normativa diretta al buon andamento e trasparenza nella Pubblica Amministrazione. Da tale nomina, inoltre, derivavano, per il neo dirigente, poteri di controllo su tutti gli atti di gestione, compresi anche quelli del direttore generale dell’Ente pubblico. Il nuovo Capo di Gabinetto veniva, dal 2012, gratificato anche con una congrua indennità di posizione (30.000 euro annui) e un’indennità di risultato (10.000 euro annui) prerogativa tipica dei dirigenti pubblici. Il tutto con annessi conguagli di stipendi e indennità, oltre a cospicui rimborsi per spese di missione, spesso senza documenti giustificativi (oltre 40.000 euro tra il 2012 ed il 2015). Tutto ciò nonostante la ferma opposizione e il richiamo alle corrette norme sulle nomine nel pubblico impiego da parte del Collegio dei Revisori. La nomina è stata poi revocata nell’aprile 2016".

Il sequestro di beni

Sulla vicenda sono stati svolti, dai finanzieri del Nucleo, mirati accertamenti patrimoniali e bancari, delegati dal dott. Pierpaolo Grasso. In base alle risultanze della complessa documentazione acquisita e sulla scorta delle risultanze reddituali, patrimoniali e bancarie, la Procura contabile ha pertanto proposto, alla Corte dei Conti, un sequestro conservativo ante causam del valore di 370mila euro, nei confronti di Riccardi, "quale danno erariale per le somme erogate illecitamente al nominato Capo di Gabinetto". Il Presidente della Sezione Giurisdizionale per la Puglia della Corte dei conti, Dott. Mauro Orefice,  ha disposto con provvedimento del 18.4.2018 il sequestro conservativo richiesto, quale garanzia patrimoniale nei confronti dell’Erario ed in particolare del citato Ente di Irrigazione), in relazione al pericolo che l’imputato, nelle more della definizione del giudizio, possa disfarsi dei propri beni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento