Era agli arresti domiciliari ma spacciava in casa: in manette 29enne a Molfetta

Nell'abitazione del giovane pusher ritrovati hashish e marijuana, già divisi in dosi per la vendita. I carabinieri si erano insospettiti per l'andirivieni di giovani dal portone del palazzo

Quasi 350 grammi di hashish già suddiviso in dosi e 50 grammi di marijuana. Nascosti in alcuni borselli e in un mobile della casa di un 29enne a Molfetta, che ha portato i Carabinieri del Nucleo radiomobile ad arrestarlo la sera del 22 gennaio. I militari hanno perquisito l'abitazione in via D'Azeglio, insospettiti dal andirivieni di giovani che entravano nel portone.

È stato così trovato in cucina anche un bilancino di precisione elettronico, mentre nelle tasche del 29enne - già a domiciliari - è stata rinvenuta la somma di 200 euro, ritenuta il provento dello spaccio. È stato quindi portato in carcere a Trani, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento