menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esami da avvocato truccati, ex funzionaria dell'Università torna libera

Il Riesame ha revocato l'arresto: per i giudici il fatto che la donna sia in pensione fa venir meno le esigenze cautelari

E' tornata in libertà l'ex funzionaria dell'Università di Bari, Tina Laquale, posta ai domiciliari lo scorso 15 aprile nell'ambito dell'indagine della Procura di Bari su presunte irregolarità nelle prove di esame da avvocato svoltesi nel dicembre 2014.

Il tribunale del riesame di Bari ha revocato l'arresto in quanto, secondo i giudici, il fatto che la donna sia già in pensione fa venir meno le esigenze cautelari. I giudici hanno annullato l'ordinanza con riferimento alle accuse di falso, ma hanno confermato i gravi indizi sulla presunta truffa per essersi assentata dal luogo di lavoro.

Per la figlia dell'indagata, Innocenza Losito, funzionaria dell'ufficio Adisu, il Riesame ha annullato l'ordinanza per le accuse di falso ma ha confermato i gravi indizi per i reati di truffa, corruzione e rivelazione del segreto d'ufficio, rigettando la richiesta di revoca degli arresti domiciliari. 

Nei giorni scorsi era tornato libero - con sostituzione della misura cautelare dai domiciliari alla interdizione - l'avvocato Giuseppe Colella, arrestato insieme alle due donne.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento