menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fonte Wikipedia

Fonte Wikipedia

Quando la Seconda Guerra Mondiale sconvolse le vite dei baresi: 76 anni fa l'esplosione della 'John Harvey' al porto

In mattinata si è tenuta la cerimonia in onore delle vittime della tragedia del 2 dicembre 1943: gli aerei della Luftwaffe fecero esplodere una nave americana carica di gas iprite, che provocò la morte di migliaia di militari e civili

Quella del 2 dicembre del 1943 rimarrà una delle giornate più drammatiche per la città di Bari. Il suono continuo degli altoparlanti avvertì la popolazione del pericolo imminente: il bombardamento da parte degli aerei tedeschi della Luftwaffe, che sorvolarono la città e raggiunsero il porto, sganciando nella prima serata diverse bombe sulle 17 navi attraccate.

A provocare la vera tragedia non furono però le bombe, ma il gas iprite nella stiva di una delle navi ormeggiate, il piroscafo americano 'John Harvey'. Gas che si liberò nell'aria, trasformandosi in arma chimica che provocò migliaia di morti tra i militari alleati e centinaia tra i civili. Una strage impossibile da dimenticare, che in molti definiscono 'La Pearl Harbour del Mediterraneo'.

La cerimonia in ricordo delle vittime

In onore delle vittime della tragedia, anche quest'anno l'Associazione nazionale marinai d’Italia - gruppo di Bari, in collaborazione con l’Autorità portuale del Levante e la Capitaneria di Porto di Bari, ha organizzato una cerimonia al porto, davanti al monumento che ricorda i tanti morti di quella terribile giornata di 76 anni fa. 

Alla cerimonia erano presenti anche il vicesindaco Eugenio Di Sciascio e il presidente del I Municipio, Lorenzo Leonetti. "È il più grande disastro navale italiano della Seconda Guerra Mondiale che abbiamo il dovere di raccontare e far conoscere - ricorda Leonetti - Dopo quel brutto giorno Bari e i baresi, con orgoglio, si sono rialzati e hanno superato quel disastro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento