rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Centomila euro per riavere auto rubata e "regali" natalizi per famiglia boss: estorsione a imprenditore, chieste otto condanne

Le richieste, riguardanti 8 persone ritenute vicine al clan Strisciuglio, sono state esplicitate nel corso del processo con rito abbreviato in corso a Bari

Centomila euro per restituirgli l'auto aziendale rubata e 5mila euro "per fare trascorrere buone feste" natalizie "ai famigliari del capoclan" in quel periodo detenuto: è la richiesta che avrebbero proposto a un imprenditore 8 persone considerate vicine al clan Strisciuglio secondo la Procura che, con la pm della Dda di Bari, Lidia Giorgio, nell'ambito del processo in corso con rito abbreviato, ha richiesto pene tra i 6 anni e i 2 anni e 8 mesi di reclusione per i reati di estorsione aggravata, tentata estorsione e minaccia in concorso, reati tutti aggravati dall'utilizzo del metodo mafioso. In base all'inchiesta, gli 8, arrestati dalla Squadra Mobile a giugno 2017, avrebbero minacciato più volte l'imprenditore e la famiglia per ottenere soldi, arrivando anche a mimare il gesto di una pistola perché ritirasse la denuncia nei loro confronti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centomila euro per riavere auto rubata e "regali" natalizi per famiglia boss: estorsione a imprenditore, chieste otto condanne

BariToday è in caricamento