rotate-mobile

Estorsione ai danni di imprenditori agricoli murgiani, fra gli arrestati un 58enne barese

L'operazione dei Carabinieri, sviluppata questa mattina nelle province di Bari, Potenza, Salerno e Bat, ha portato all'arresto di 17 persone, tra cui un uomo di Poggiorsini

C'è anche un 58enne di Poggiorsini fra i 17 destinatari dei provvedimenti di custodia cautelare emessi dal dal gip del Tribunale di Trani, su richiesta della Procura della Repubblica, per i reati estorsione, danneggiamento, furto aggravato, incendio doloso, ricettazione, illecita concorrenza, uccisione di animali e detenzione, illecita di arma da fuoco.

Le indagini condotte dalla Stazione Carabinieri di Minervino Murge e della Compagnia Carabinieri di Andria hanno avuto inizio nel 2020 a seguito di alcune denunce per danneggiamento di culture agricole ricevute dai Carabinieri ai danni di imprenditori agricoli.

Secondo l’impostazione accusatoria accolta dal Gip, nell’area del territorio murgiano dei comuni di Andria e Minervino Murge, sarebbero stati attivi due gruppi criminali, tra loro indipendenti e con propaggini estese a Montemilone e Poggiorsini, che attraverso l’impiego di metodi violenti si contendevano la supremazia nel controllo del territorio, cercando di imporre servizi di guardiania abusiva a titolo di protezione.

Alcuni degli indagati, inoltre, con l’utilizzo della violenza consistita in minacce di ripercussioni fisiche, oltre al furto e danneggiamento di culture, sarebbero riusciti ad imporre i prezzi dei prodotti ortofrutticoli in alcuni esercizi commerciali di Minervino Murge, portando la concorrenza a chiudere. 

Tra gli arrestati, figurano anche due guardie particolari giurate in servizio presso il locale consorzio di guardie campestri che risultano indagate anche per alcuni episodi di induzione indebita a dare o promettere utilità.

Furti, danneggiamenti e incendi, non avrebbero avuto solo la natura di atti intimidatori, ma sarebbero serviti anche per la realizzazione della tecnica criminale del 'cavallo di ritorno': gli indagati avrebbero sottratto alcuni mezzi agricoli, e successivamente avrebbero richiesto somme di denaro ai proprietari per ottenere la restituzione dei veicoli.

Dieci degli arrestati sono stati condotti nel carcere di Trani. Sette, invece, sono stati posti agli arresti domiciliari presso le loro abitazioni, a disposizione del gip: fra di loro anche il 58enne, Vito Genuario, di Poggiorsini.

Copyright 2022 Citynews

Si parla di

Video popolari

Estorsione ai danni di imprenditori agricoli murgiani, fra gli arrestati un 58enne barese

BariToday è in caricamento