Estorsione, Savinuccio Parisi condannato a 4 anni e 8 mesi

Chiuso il processo con rito abbreviato. Per questa vicenda il boss di Japigia è in carcere dallo scorso 20 dicembre, nuovamente arrestato dopo soli tre giorni di libertà. A denunciare il fatto i due imprenditori vittime dell'estorsione, i cui racconti hanno poi portato a nuovi arresti a maggio scorso

Dovrà scontare una pena di quattro anni e otto mesi di reclusione il boss di Japigia Savinuccio Parisi, condannato oggi per estorsione nell'ambito di un processo con rito abbreviato relativo ad una vicenda avvenuta nel 2009. La sentenza è stata emessa dal gup del Tribunale di Bari Annachiara Mastrorilli che ha disposto per Parisi anche l'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici. Il giudice ha inoltre condannato Savinuccio anche al pagamento del risarcimento danni, da quantificarsi in un separato procedimento civile, nei confronti delle costituite parti civili, la Fai (Federazione delle Associazioni Antiracket Italiane) rappresentata dall'avvocato Angela Maralfa e l'Associazione Antiracket e Antimafia di Molfetta, rappresentata dall'avvocato Marco Di Bartolomeo.

LA VICENDA - I fatti di cui Savinuccio è accusato risalgono al marzo 2009. Per questa vicenda il boss di Japigia è in carcere dal 20 dicembre scorso, nuovamente arrestato dopo soli tre giorni dalla scarcerazione per decorrenza dei termini nell'ambito di un altro processo per mafia. A raccontare l'episodio sono stati gli stessi imprenditori vittime dell'estorsione: Parisi sarebbe intervenuto per mettere fine alle richieste di soldi ai due imprenditori da parte di pregiudicati, affiliati al suo clan, fatte quando lui era detenuto. In cambio le presunte vittime dell'estorsione gli avrebbero dato gioielli del valore di 100 mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La testimonianza dei due imprenditori ha poi portato gli investigatori a scoprire un'associazione criminale dedita a usura ed estorsioni ai danni di imprenditori, sgominata il 30 maggio con un blitz che ha portato a 13 arresti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento