menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il concerto di Vasco Rossi a Bari

Il concerto di Vasco Rossi a Bari

Gli affari degli Strisciuglio per il concerto di Vasco, il pentito: "Così il clan controlla lo stadio"

Le attività illecite del clan in occasione del grande evento al San Nicola rivelate da un pentito: cinque euro per ogni auto e pizzo di 800 euro per i paninari

Una tariffa 'fissa' di cinque euro per ogni auto parcheggiata e pizzo di 800 euro per i paninari sul piazzale fuori dallo stadio. "Lo stadio è clan Strisciuglio", che così avrebbe gestito il 'business' delle estorsioni in occasione del concerto di Vasco Rossi del giugno 2015. A fornire nuovi dettagli sul presunto controllo esercitato dal gruppo criminale sullo stadio, è il pentito Michele Miccoli, diventato di recente collaboratore di giustizia.

Le sue dichiarazioni sono state depositate dai pm della Dda Roberto Rossi e Patrizia Rautiis nel processo sulle estorsioni al concerto di Vasco Rossi, nell'ambito del quale la Procura ha chiesto 5 condanne a 12 anni di reclusione. Circa una quarantina gli episodi contestati in due giorni. Secondo quanto affermato da Miccoli, gli ambulanti erano costretti a pagare per restare, altrimenti dovevano andare via e non sarebbe mancata qualche "schiaffeggiata" per chi si opponeva. Un sistema che avrebbe fruttato, secondo il pentito, fra i 500 e i 1800 euro a testa per una decina di affiliati.

Secondo quanto rivelato dal pentito, inoltre, il clan cercherebbe di imporre il pizzo anche durante il campionato, chiedendo ai bar all'interno dello stadio la somma di circa 30mila euro.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento