menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Estorsioni e minacce a imprenditori, blitz dei carabinieri: nove arresti

Oltre ad imporre il pizzo, gli arrestati sarebbero anche entrati nella gestione degli affari: alcuni imprenditori, infatti, avrebbero chiesto aiuto ad esponenti di clan locali per ottenere la riscossione di crediti, finendo a loro volta nella morsa del racket. Le indagini partite dalla denuncia di una vittima

Nove persone, ritenute vicine a clan locali, sono state arrestate all'alba di oggi in un blitz condotto dai Carabinieri del Comando Provinciale, con l'accusa di estorsione aggravata in concorso. Otto le misure cautelari in carcere, una ai domiciliari, emesse dal Giudice per le Indagini preliminari di Bari su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.

 Le rapide indagini avviate dai carabinieri del Reparto Operativo di Bari nell’ottobre scorso hanno fatto emergere un grave contesto d’intimidazione ai danni di imprese locali da parte della criminalità organizzata. In particolare, gli arrestati non si sarebbero limitati ad imporre il pizzo, ma sarebbero entrati nella gestione degli affari per garantire il rispetto di accordi e pagamenti.

Alcuni imprenditori, infatti, si sarebbero rivolti ai clan per recuperare i loro crediti o per agevolare l’avvio di nuove attività, finendo invece nella morsa del racket. In particolare, un imprenditore è finito infatti sotto inchiesta per aver inviato esponenti di un clan locale a riscuotere soldi da un altro imprenditore, il quale, nonostante sia stato gravemente minacciato, ha trovato il coraggio di denunciare.

Ulteriori aggiornamenti nel corso della giornata

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento