rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca

"Artifici contabili per evadere il Fisco", sequestrati beni per quasi 3 milioni a due società del Barese

Il provvedimento eseguito dalla Finanza a carico di due aziende operanti nel commercio al dettaglio e all’ingrosso di pneumatici

I finanzieri del Comando provinciale di Bari hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore complessivo di circa 2,7 milioni di euro, nei confronti di due società della provincia di Bari operanti nel commercio al dettaglio e all’ingrosso di pneumatici, quale presunto profitto dei reati di dichiarazione fraudolenta che sarebbero stati commessi con riferimento agli anni d’imposta dal 2014 al 2018.

Il decreto di sequestro preventivo costituisce l’epilogo di una verifica e di un controllo fiscale e delle correlate indagini di polizia giudiziaria delegate al I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari, articolazione specializzata nel contrasto agli illeciti in materia di evasione fiscale. 

Secondo l’impostazione accusatoria accolta dal gip, è spiegato in na nota della Procura di Bari, "le due società, riconducibili alla medesima compagine familiare, avrebbero occultato al Fisco consistenti proventi imponibili attraverso il sistematico e reiterato ricorso ad artifici contabili". Una delle due, inoltre, è stata dichiarata fallita su istanza della Procura.

In particolare, dalle indagini sarebbe emerso che "una delle società ispezionate avrebbe annotato in contabilità una fattura relativa a una fittizia sponsorizzazione a una società sportiva dilettantistica di Altamura. Entrambe le imprese attenzionate avrebbero, inoltre, effettuato consistenti vendite di pneumatici “in nero” manipolando artatamente le scritture di magazzino al fine di rendere maggiormente difficoltosa la ricostruzione dell’imposta effettivamente dovuta".

Alla luce degli elementi acquisiti dal Nucleo PEF Bari, la Procura "in virtù della normativa che prevede la possibilità di applicazione anche della “confisca per equivalente” - ha avanzato una richiesta di sequestro di beni ed utilità, al fine di inibire il consolidamento del vantaggio economico derivante dalla presunta evasione". Il gip, aderendo alla predetta richiesta, ha quindi emesso il decreto di sequestro preventivo dei beni nella disponibilità delle società ispezionate e dei suoi amministratori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Artifici contabili per evadere il Fisco", sequestrati beni per quasi 3 milioni a due società del Barese

BariToday è in caricamento