Ex giudice del Consiglio di Stato sotto accusa per maltrattamenti, Cassazione annulla revoca dei domiciliari per Bellomo

A luglio scorso il Riesame aveva disposto la misura alternativa dell'interdizione per 12 mesi. Il provvedimento è stato annullato con rinvio: il tribunale della libertà dovrà nuovamente pronunciarsi

Sarà nuovamente il Tribunale del Riesame a stabilire se l'ex giudice del Consiglio di Stato, Francesco Bellomo, dovrà tornare agli arresti domiciliari. La Corte di Cassazione, infatti - come riporta l'Ansa - ha annullato con rinvio il provvedimento con il quale a luglio scorso il Riesame aveva revocato i domiciliari per l'ex consigliere di Stato, disponendo la misura alternativa dell'interdizione per 12 mesi.

Le accuse a Bellomo, arrestato all'inizio del luglio scorso e rimasto 20 giorni ai domiciliari, riguardano i presunti casi di maltrattamento su quattro donne che frequentavano la sua Scuola di Formazione per la preparazione al concorso in magistratura «Diritto e Scienza», e un presunto caso di estorsione ad un’altra ex corsista, che sarebbe stata da lui costretta a lasciare il lavoro. 

I giudici del Tribunale della Libertà avevano anche riqualificato i reati contestati da maltrattamenti in tentata violenza privata aggravata e stalking e da estorsione in violenza privata: in merito a ciò, la Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dalla Procura, così come ha rigettato il ricorso della difesa contro l'interdizione e contro il sequestro di alcuni documenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Bellomo, la Procura di Bari ha intanto chiesto il rinvio a giudizio sia per i reati originariamente contestati di maltrattamenti ed estorsione, che per calunnia e minaccia nei confronti dell’attuale presidente del Consiglio Giuseppe Conte (all’epoca vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa), e di Concetta Plantamura,  rispettivamente presidente e componente della commissione disciplinare che decise poi per la destituzione di Bellomo, sottoposto a procedimento disciplinare nel 2017.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento