menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Fabio e Mingo sospesi per due servizi inventati", Striscia annuncia azioni legali

Dopo giorni di silenzio, il Gabibbo è tornato a parlare durante la trasmissione di questa sera. Alla base della decisione ci sono due storie che il tg satirico ritiene inventate

Sospesi per due servizi ritenuti falsi. A dieci giorni dalla decisione annunciata in diretta tv dal Gabibbo, Striscia la Notizia svela le ragioni alla base della sospensione dei due storici inviati pugliesi, Fabio e Mingo.

A comunicare la spiegazione è stato sempre il famoso pupazzo rosso, 'mascotte' della trasmissione, nel corso della puntata di questa sera. In particolare, le storie che il tg satirico ritiene inventate riguardano una maga sudamericana e un falso avvocato. Si tratta di servizi andati in onda nella scorsa stagione. Striscia ha anche preannunciato anche azioni legali, mentre già nei giorni scorsi aveva lanciato la ricerca di nuovi inviati per la trasmissione.

LE PAROLE DEL GABIBBO - "Cari telespettatori - ha detto il Gabibbo in un breve editoriale - parliamo di Fabio e Mingo e della loro redazione. Abbiamo acclarato che il caso di qualche tempo fa della maga Sudamericana non esiste. Anche quello del falso avvocato era una messa in scena e a noi già questo basta: è una cosa grave, seguiranno azioni legali per accertare le responsabilità".

LA REPLICA DEI DUE INVIATI - Qualche ora dopo è arrivata la replica dei due inviati, che finora avevano scelto di non commentare la vicenda. "Ci meravigliamo per il contenuto delle frasi riportate dal Gabibbo nella trasmissione di questa sera, in quanto noi - scrivono Fabio e Mingo - ci siamo sempre prodigati per rendere al meglio la nostra prestazione di attori nell'ambito dei servizi, prodotti esclusivamente nel rispetto delle precise indicazioni ricevute, assecondando, sempre, gli autori del programma nella scelta e nelle modalità di esecuzione dei servizi stessi".

*Ultimo aggiornamento 6 maggio ore 10

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento