Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Manca un atto nel fascicolo della Dda, il boss torna in libertà

Scarcerato Donato Telegrafo, accusato del tentato omicidio del boss Pinuccio Mercante: il Tribunale del Riesame non ha ricevuto in tempo tutti gli atti del procedimento, e ha dovuto così disporre la scarcerazione dell'indagato

Nel fascicolo depositato dalla Dda manca un atto, e il Tribunale del Riesame annulla la misura cautelare, disponendo la scarcerazione dell'indagato. E' così tornato in libertà Donato Telegrafo, 21 anni, arrestato a inizio maggio dagli agenti della Squadra Mobile con l'accusa di essere il mandante del tentato omicidio di Giuseppe Mercante, detto 'Pinucc u drogat', boss del quartiere Libertà.

Telegrafo, già condannato per associazione mafiosa, era stato arrestato insieme al fratello Arcangelo e a Tonino Rizzo, accusati invece di essere gli esecutori materiali dell'agguato. La difesa dei tre arrestati aveva presentato ricorso al Riesame per l'annullamento della misura cautelare nei confronti di Donato Telegrafo. La Dda avrebbe dovuto presentare ai giudici tutti gli atti del procedimento entro cinque giorni, ma per una svista - da parte di un ufficio oberato di procedimenti - il fascicolo è risultato incompleto e perciò il Tribunale del Riesame, non potendo decidere nel merito del ricorso, ha dovuto dichiarare nulla la misura, disponendo la scarcerazione del 21enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manca un atto nel fascicolo della Dda, il boss torna in libertà

BariToday è in caricamento