Assembramenti nei luoghi della movida, residenti dell'Umbertino preoccupati: "Serve presenza fissa delle forze dell'ordine"

Da largo Adua a via Cognetti, gli abitanti della zona lanciano l'allarme per la presenza di gruppi di giovani senza alcuna distanza di sicurezza. E richiamare l'attenzione sul tema anche hanno ideato una 'campagna social' di sensibilizzazione

"Ti piacerebbe tornare alla fase 1?": il messaggio compare ben in evidenza sotto una foto (scattata prima dell'emergenza Covid) che ritrae alcuni giovani assembrati in una strada dell'Umbertino. Un 'volantino', quello pubblicato sulla pagina Fb del Comitato Salvaguardia della Zona Umbertina, ideato dai residenti per richiamare all'attenzione sulla questione degli assembramenti di giovani, tornati nel quartiere con l'inizio della fase 2, in barba ad ogni cautela e misura anti-contagio. 

Un problema riconosciuto anche dal sindaco Antonio Decaro, che ha annunciato un rafforzamento dei controlli. Intanto i residenti continuano a segnalare e chiedono che nei luoghi della movida venga prevista una presenza fissa delle forze dell'ordine. Gli abitanti della zona, peraltro, da tempo conducono una battaglia contro la 'movida selvaggia' e senza regole nell'Umbertino: una situazione che, sottolineano i residenti, rischia di diventare ancora più pericolosa nella cosidetta 'fase 2', con il pericolo Coronavirus non ancora superato. "Anche ieri sera - scrivono sulla pagina Fb del Comitato - ripetute segnalazioni di assembramenti nei soliti luoghi (largo Adua, via Abbrescia, via Cognetti, largo Giordano Bruno, via Fiume). Segnalata la presenza di almeno due pattuglie della Polizia Locale. Al loro passaggio i giovani si disperdevano per ritornare poco dopo a riassembrarsi. A nostro avviso è necessaria la presenza fissa nei luoghi indicati delle forze dell'ordine, con funzione dissuasiva (ad esempio una volante sul giardino di Largo Adua)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

  • Truffe alle assicurazioni e prostituzione in falsi centri massaggi: sette arresti e 27 indagati a Bari, coinvolti anche cinque avvocati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento