menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fase 2, Emiliano ai pugliesi: "Pronti a chiudere di nuovo se contagi aumentano, continuiamo a stare a casa"

Il presidente della Regione interviene per chiarire alcuni aspetti dell'ordinanza regionale, ma avverte: "Non è un liberi tutti, abbiamo rischio epidemiologico da gestire in un equilibrio tra aperture e chiusure"

Restare a casa, anche dopo il 4 maggio, evitando "cose ci espongano a rischio", perché se i contagi dovessero risalire, la Puglia è pronta "a stringere nuovamente le aperture". E' il messaggio che, intervenendo in diretta su TeleNorba, il governatore Michele Emiliano lancia ai pugliesi in vista della 'Fase 2'.

Se nonostante il lockdown, questo Primo maggio vede già molta gente uscire di casa per passeggiare o andare a pesca (come consentito dall'ordinanza regionale di alcuni giorni fa), Emiliano interviene per fare chiarezza sul provvedimento, invitando i pugliesi a continuare a rispettare regole e restrizioni.

"L'ordinanza emanata qualche giorno fa è un piccolo iniziale tentativo di ricominciare questa vita normale - ha detto Emiliano nel suo intervento - non si tratta di un liberi tutti, non si tratta della riapertura della nostra vita normale. Noi siamo in perfetta armonia con i provvedimenti del governo nazionale, stiamo solamente cercando di adattarli alla realtà pugliese", ha aggiunto il governatore.

"Abbiamo un rischio epidemiologico che dobbiamo gestire in un equilibrio tra aperture e chiusure della nostra società. Siamo anche pronti - ha sottolineato il governatore - a stringere nuovamente le aperture se i dati epidemiologici dovessero provocarci problemi". 


"Abbiamo delle regole generali che l'ordinanza e il governo ci prescrivono - ha detto ancora Emiliano - dobbiamo innanzitutto stare a casa, abbiamo dei piccoli spazi ma dobbiamo saperli utilizzare, e comunque il principio è sempre 'stiamo a casa il più tempo possibile' e non facciamo cose che ci espongano a rischio. Manteniamo la distanza sempre quando siamo in compagnia di altre persone che non hanno convissuto con noi in casa, se proprio dobbiamo uscire, dobbiamo utilizzare le mascherine. Non vi raggruppate, non create assembramenti".  

Il governatore ha ricordato che dall'inizio dell'emergenza "30 mila pugliesi sono rientrati da altre regioni" e di questi "200 erano positivi al Covid-19". Chiarendo poi alcuni aspetti specifici dell'ordinanza, Emiliano ha ricordato che "non è possibile spostarsi fuori dalla regione Puglia, oggi è ancora valido il divieto di spostamento da Comune e Comune. Dal 4 maggio potrete muovervi con più libertà sul territorio regionale ma senza uscire dalla regione. Potete fare alcune attività ricreative ma dovere fare attenzione a non raggrupparvi nei luoghi pubblici e privati".

Sul asporto per bar e ristoranti Emiliano ha precisato che la procedura corretta prevede il "fare l'ordinazione a distanza, ricevere la consegna e tornare rapidamente a casa. Il ritiro se possibile deve avvenire su appuntamento, non potete sostare vicino al locale. Evitate assolutamente di consumare nel locale".


 

In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento