rotate-mobile
Cronaca

Pescherecci a terra per 42 giorni: scatta il fermo biologico

Entra in vigore da oggi il provvedimento disposto dal ministero per le Politiche agricole. L'obiettivo è ripopolare i mari per consentire la ripresa del settore. Protestano i pescatori

E' scattato oggi il fermo biologico alla pesca per le acque da Pesaro a Bari, deciso dal Ministero per le Politiche Agricole. Le attività resterano sospese per 42 giorni, in modo da consentire il ripopolamento della fauna acquifera, permettendo al settore di sopravvivere, nonostante la crisi attuale. La Coldiretti, infatti, ha confermato un calo dei consumi, per il primo trimestre del 2013, del 16%, dovuto principalmente alle più limitate capacità di spesa degli italiani. Nonostante ciò, ci sono state molte lamentele da parte dei pescatori, i quali, ritengono poco utile il provvedimento, considerandolo dannoso per le loro attività.

Il rischio, comunque, per la Coldiretti, è quello di trovare in tavola, in questo periodo, prodotti di qualità inferiore, congelati, oppure provenienti dall'estero, in particolare da Paesi nei quali il divieto non è in vigore, ma anche pesce da allevamenti nazionali o da piccole produzioni locali, effettuate dalle barche di piccoli pescatori, esenti dal fermo. Il basso Adriatico e lo Jonio invece adotteranno il provvedimento  dal 1° ottobre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescherecci a terra per 42 giorni: scatta il fermo biologico

BariToday è in caricamento