rotate-mobile
Cronaca

Ferrovie Sud Est: messi all'asta motrici e vagoni merci risalenti al secolo scorso

L'azienda pugliese, al centro di due procedimenti da parte della magistratura barese, ha comunicato la messa in vendita di materiali rotabili in disuso con base d'asta fissata a 36mila euro

Dopo i recenti scandali che hanno portato l'azienda agli onori delle cronache nazionali, Ferrovie Sud Est torna a far parlare di sé, dopo aver comunicato la messa in vendita del materiale rotabile fuori uso.

A finire all'asta 41 mezzi che giacciono sparsi lungo la rete FSE, che abbraccia circa 15 località. Alcuni dei pezzi in vendita fanno parte di diritto della storia ferroviaria poiché risalgono all'inizio del secolo scorso. Tra di essi si contano due carri merci risalenti al 1900 e al 1912, ed un'automotrice immatricolata nel 1940. La base d'asta di partenza è di 36mila euro.

Si tratta della prima rottamazione e messa in vendita di mezzi da parte dell'azienda pugliese, finita nel mirino della magistratura pugliese per via della gravi irregolarità commesse dai dirigenti .

L'obiettivo dell'operazione di vendita, come si apprende dal comunicato presente sul sito ufficiale delle Ferrovie Sud Est, è di natura prettamente ambientale

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrovie Sud Est: messi all'asta motrici e vagoni merci risalenti al secolo scorso

BariToday è in caricamento