menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferrovie Sud Est, via Fiorillo. Il Ministero nomina il nuovo Cda

L'iniziativa del ministro dei Trasporti Delrio, dopo gli scandali e le inchieste giudiziarie che hanno coinvolto la società. A guidare il consiglio di amministrazione sarà Viero, docente dello Sda Bocconi

Il ministero dei Trasporti nomina un nuovo Consiglio di amministrazione per le Ferrovie Sud Est. La decisione del ministro Delrio è arrivata ieri, dopo l'assemblea della società a Roma. A guidare il Cda sarà Andrea Viero, docente dello Sda Bocconi e in passato direttore generale e vicepresidente della multiutility Iren.

Nel board ci saranno anche Angelo Mautone e Domenico Mariani. Mautone è un dirigente della direzione Trasporto pubblico locale del ministero dei trasporti, già "impegnato in situazioni di ristrutturazione come nel caso delle Ferrovie della Calabria e della Circumvesuviana". Mariani invece ha "competenze professionali tecnico-amministrative nella gestione del personale e nei rapporti con le organizzazioni sindacali nei servizi pubblici locali".

La decisione del Ministero di rinnovare il Cda, rimuovendo l'amministratore unico Luigi Fiorillo, è scaturita dalla situazione di criticità attraversata dall'azienda, da tempo nel mirino per l'inefficienza dei servizi e coinvolta anche in inchieste giudiziarie, come quella dei 'treni d'oro', relativa ad una presunta frode nell'acquisto di vagoni ferroviari.

"I nuovi consiglieri di amministrazione - si legge in un comunicato - hanno accettato con spirito di servizio, mettendo a disposizione le loro competenze professionali, la richiesta del Ministro per un nuovo corso delle Ferrovie Sud Est che affronti le criticità in una prospettiva di stabilizzazione, chiarezza e prospettive di una società che eroga servizi ai cittadini avvalendosi del contributo di oltre 1.300 lavoratori".

La prima riunione del nuovo Cda è prevista per oggi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento