menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bari Vecchia festeggia San Giovanni tra folklore e piatti tipici: "Dedicato alle donne"

Trentesima edizione della sagra tra i vicoli del borgo antico e le corti addobbate da tavole imbandite. Fanelli, presidente del circolo Acli Dalfino: "Tradizione sentita e amata"

Tradizione e folklore nella notte che segna l'arrivo dell'estate: Bari Vecchia è pronta a festeggiare San Giovanni Battista con i consueti riti popolari e le tavolate imbandite nelle corti del borgo antico, tra fumanti piatti di 'minuicchij' alla ricotta marzotica e vermicelli alla 'sangiuannidde', ovvero con pomodorino e capperi, serviti a parenti, vicini e turisti. Il Circolo Acli Dalfino ha presentato oggi la 30ma edizione della Sagra, al via nel pomeriggio di domani, tra animazioni, degustazioni e reading in dialetto.

 Giovedì, invece, il clou, con spettacoli in piazza Cattedrale ed esibizioni musicali, aspettando la fiaccolata con partenza da piazza Federico II di Svevia e l'arrivo in Cattedrale: "Quest'anno - ha spiegato Michele Fanelli presidente del Circolo Acli Dalfino, festeggiamo il 30ennale di un appuntamento sentitissimo dalla comunità. Era una tradizione andata perduta ma l'abbiamo recuperata e valorizzata. E' molto bello vedere i cortili e le strade addobbate a festa, come una volta. Quest'anno abbiamo deciso di dedicare la sagra a tutte le donne, contro il femminicidio, uno scempio da debellare una volta per tutte. Nel nostro quartiere, purtroppo, le donne, in alcuni casi, subiscono angherie, vittime di una cultura popolare che vede la figura femminile sottomessa all'uomo. E' impensabile pensare in questo modo ancora oggi".

Nel corso dell'appuntamento anche un gemellaggio 'gastronomico' con alcune associazioni culturali di Firenze. Quindi, spazio a banditori, poesie in vernacolo e rievocazioni di tempi passati, concludendo con l'invocazione al risveglio di San Giovanni che, come racconta la tradizione, dormì tre giorni e tre notti: "Qui a Bari Vecchia - racconta Fanelli - d'estate, durante un temporale, ad ogni forte tuono si dice che il santo si sia svegliato E' un esempio di quanto sia radicata questa festa nel cuore e nell'anima della gente del Borgo antico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento