Cronaca Bari Vecchia / Piazza del Ferrarese

Palloncini rossi per ricordare le vittime, in centro il flash mob contro il femminicidio

In circa 300 sono partiti in corteo da piazza Umberto per raggiungere piazza del Ferrarese dove sono stati lanciati in aria dei palloncini rossi, uno per ciascuna delle vittime - oltre 120 - di femminicidi nel 2013

Foto dalla pagina Fb dell'assessore Abbaticchio

Si è concluso con grida liberatorie e lancio in aria di palloncini rossi, uno per ciascuna delle oltre 120 vittime di femminicidi nel 2013, il flash mob organizzato nel pomeriggio a Bari contro la violenza sulle donne.

Circa 300 manifestanti, uomini e donne, si sono dati appuntamento nella centrale piazza Umberto e da lì, malgrado la pioggia, in corteo hanno attraverso il centro cittadino per giungere in piazza del Ferrarese dove al suono di "Break the chain", rompi le catene, si è organizzato un flashmob. La manifestazione è stata promossa dall'assessorato comunale al Welfare e dalla Fondazione Giovanni Paolo II, con l'adesione di 80 associazioni tra cui Effetto terra che ha portato in piazza bamboline di lana, sistemate a cerchio a simboleggiare le donne che accolgono le vittime di violenze.

C'erano anche le 'Spose di pace', donne in abito bianco, una performance ideata da Pippa Bacca, pseudonimo di Giuseppina Pasqualino di Marineo, che venne violentata e uccisa il 31 marzo 2008 a Gebze, in Turchia, da un uomo che le aveva dato un passaggio mentre in abito da sposa stava attraversando il Paese. In piazza le giovani spose hanno distribuito messaggi di pace che componevano i petali di colorati bouquet di nozze mentre uomini e donne mostravano striscioni che stigmatizzavano ogni forma di violenza sulle donne. Al corteo hanno preso parte anche i familiari di Caterina Susca, la donna uccisa qualche settimana fa nella sua abitazione di Torre a Mare da un giovane nigeriano.
(Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palloncini rossi per ricordare le vittime, in centro il flash mob contro il femminicidio

BariToday è in caricamento