menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Focolaio Covid in rsa nel Barese: 36 contagi e un decesso a Locorocondo

I casi tra ospiti e operatori della struttura 'Domus Sancta Familia - Casa Neemia'. Il sindaco Bufano: "Situazione sotto controllo"

Sono 36 i casi di Coronavirus registrati nella residenza sanitaria assistenziale privata 'Domus Sancta Familia - Casa Neemia' di Locorotondo, dove nelle scorse ore si è anche verificato il decesso di un ospite interessato dal contagio. Un nuovo focolaio Covid in una rsa del Barese, che si somma a quelli già rilevati nelle ultime settimane in diversi centri della provincia e nello stesso capoluogo. 

A fare il punto della situazione è in una nota il Comune di Locorotondo, dando notizia di una riunione sull'emergenza Covid nella rsa che si è tenuta ieri, giovedì 26 novembre. I contagiati attualmente ricoverati sono due, 11 degli attuali positivi risultano sintomatici, mentre restano asintomatici tutti gli altri.

"Dal momento che 7 operatori della struttura sono risultati positivi al Covid-19, mentre 5 sono in malattia ordinaria - è spiegato ancora nel comunicato -  la ASL ha provveduto ad attivare oggi stesso un'altra unità infermieristica. Inoltre, al fine di riorganizzare gli spazi, presso la struttura è già presente il Responsabile della Protezione Civile per il montaggio di una tensostruttura da campo con roulotte. Il Distretto svolgerà attività quali: rifornimento di DPI e di farmaci; erogazione di visite specialistiche, ECG ed RX torace. Le prestazioni saranno erogate in loco, con il pazente allettato e solo su richiesta dei medici della struttura stessa. La struttura ha infine provveduto a reclutare dieci nuove assunzioni, sei delle quali sono già in servizio, al fine di supportare l’offerta erogata dalla struttura".

"La situazione - sottolinea il sindaco Antonio Bufano - è sotto controllo. Verranno istituiti tra i parenti ponti di comunicazione per aggiornarli sullo stato di salute dei propri congiunti. Inoltre il Comune metterà a disposizione della struttura dei tablet, per consentire ai pazienti di essere in contatto, attraverso videochiamata, con i parenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento