Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Ancora furti di olive nelle campagne, sei arresti

Gli arresti in due diverse operazioni di polizia e carabinieri. La refurtiva è stata recuperata e restituita ai proprietari

Foto di repertorio

Ancora arresti nelle campagne per furti di olive, un fenomeno che in quest'anno di particolare difficoltà per la produzione olivicola, si sta rivelando sempre più diffuso. Nella giornata di ieri, sei persone sono finite in manette tra Andria e Trani.

Nella prima operazione, compiuta dai carabinieri, una coppia di conviventi è stata sorpresa ad Andria mentre asportava circa 150 chili di olive appena raccolte. Si tratta di un 30enne e di una 22enne residenti a Bitonto, accusati di furto aggravato in concorso e danneggiamento. L’uomo, inoltre, sottoposto alla sorveglianza speciale di p.s. con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, è accusato anche di violazione degli obblighi imposti. I militari, intervenuti in contrada Zagaria su segnalazione delle Guardie Campestri, hanno sorpreso la coppia, attrezzata di bastoni e di un telo, mentre rubava olive da un fondo agricolo della zona.

Nel pomeriggio di ieri, gli Agenti del Commissariato di Trani e Carabinieri della Compagnia di Trani hanno arrestato altre quattro persone in un'operazione congiunta. La segnalazione è giunta al 112, e  la richiesta d’intervento è stata immediatamente comunicata alla centrale della Polizia di Stato, competente nella zona nell'orario in cui si è verificato il furto. Giunti sul posto, gli agenti sono riusciti a bloccare una Fiat Punto a bordo della quale cercavano di allontanarsi due malfattori, con il prezioso carico di olive. Altri due ladri si erano dati alla fuga per le campagne, ma il tentativo di dileguarsi è stato vano perchè nelle vie limitrofe hanno trovato ad attenderli una pattuglia dei Carabinieri del Pronto Intervento giunta in ausilio agli agenti. Sono così finite in manette quattro persone, di 31, 27, 21 e 20 anni, tutte tranesi, tre delle quali già note alla forze dell’ordine. I quattro, che dovranno rispondere di furto aggravato in concorso, sono ora agli arresti domiciliari a disposizione della Procura della Repubblica di Trani, in attesa di essere processati per direttissima. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora furti di olive nelle campagne, sei arresti

BariToday è in caricamento