menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti nel parcheggio dell'Auchan: bucavano gomme per rubare nelle auto. Tre arresti

In manette tre baresi, 'specialisti' della tecnica della particolare 'tecnica' di furto: avrebbero messo a segno i colpi nel periodo tra agosto e ottobre di quest'anno

La tecnica utilizzata era sempre la stessa: bucare le gomme dell'auto prescelta per il furto, in modo da distrarre il proprietario e, mentre questi era intento a riparare lo pneumatico, svaligiare la vettura rubando borse e borselli lasciati incustoditi.

In tre sono stati arrestati dai carabinieri con questa accusa. Avrebbero agito nel parcheggio del centro commerciale Auchan di Casamassima tra agosto e ottobre di quest'anno. Determinanti per le indagini sono state anche le immagini di alcuni sistemi di videosorveglianza.

VIDEO: I LADRI IN AZIONE

L’Autorità Giudiziaria, condividendo le risultanze investigative, ha disposto la misura cautelare in carcere per Angelo Silvestris, 38enne con precedenti del quartiere San Paolo, e quella degli arresti domiciliari per Francesco Pepe, 30enne di Modugno e Lorenzo Mancini, 25enne di San Paolo, tutti ritenuti responsabili di furto aggravato e danneggiamento.

In particolare, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la sera del 18 agosto, i tre arrestati, a bordo di una utilitaria di colore nero, proprio durante le operazioni di sostituzione della ruota da parte del proprietario di un veicolo,  dopo averlo affiancato, con mossa fulminea, sporgendosi dal finestrino, avevano asportato il borsello contenente circa 40 euro,  il telefono cellulare e tre carte bancomat. Sempre nella stessa giornata, gli stessi avevano utilizzato le carte di credito presso altrettanti bancomat ubicati a Casamassima e Capurso; anche in questa circostanza è stato utile acquisire le immagini dei vari sistemi di sorveglianza degli istituti di credito dai quali è stato riconosciuto, senza ombra di dubbio, uno dei tre arrestati.

Anche il primo di ottobre  i tre avrebbero cercato di mettere a segno colpi simili, ma dopo aver già forato i pneumatici di ben tre autovetture parcheggiate, erano stati messi in fuga dall’intervento di una pattuglia di carabinieri, che aveva individuato un’auto 'sospetta' di colore nero. Nonostante l'alt intimato dai militari, la vettura era fuggita, facendo perdere le proprie tracce, per poi essere rinvenuta nel territorio di Modugno grazie anche all’immediato intervento di un elicottero dei carabinieri.

Gli occupanti del veicolo e il conducente sono stati successivamente riconosciuti nei tre arrestati: risponderanno anche di resistenza a pubblico ufficiale in concorso. Inoltre, al proprietario del mezzo fuggito è stata anche contestata la simulazione di reato, in quanto, subito dopo la fuga, al fine di guadagnarsi l’impunità, aveva denunciato falsamente il furto della macchina in uso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento