Forza il portone dell'appartamento e fugge con gioielli, denaro e un televisore: arrestato 41enne

Ad incastrare l'uomo sono state le telecamere di videosorveglianza: l'azione, avvenuta il 23 maggio scorso ad Acquaviva, era stata ripresa completamente

L'uomo sbuca tra le auto con il televisore

Finisce in carcere un 41enne barese, ritenuto responsabile di furto aggravato in abitazione ad Acquaviva. A incastrare l'uomo, destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Bari, sono state le immagini di videosorveglianza della zona, recuperate dai carabinieri dopo la denuncia del proprietario dell'abitazione derubata. In quell'occasione, il 23 maggio, erano stati trafugati oltre a denaro e monili in oro, anche un televisore di 50 pollici.

Dai filmati visionati dai carabinieri della Stazione di Acquaviva, si è potuto vedere come l'uomo era arrivato nei pressi dell’abitazione a bordo di un’autovettura condotta da un complice, rimasto poi all’interno del veicolo a fare da 'palo'. Le immagini ritraggono il 41enne mentre, dopo aver forzato con un piede di porco il portone, si introduce nell’appartamento, per poi uscire dopo alcuni minuti portando sotto il braccio un grosso televisore.

Le indagini hanno permesso di constatare che il veicolo con il quale il 41enne ha raggiunto l'abitazione ero lo stesso che aveva utilizzato nel 2013 in Cutrofiano, in Salento, quando venne arrestato sempre per un furto in appartamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari, dopo essere riusciti ad estrapolare un’immagine nitida del volto del malfattore, hanno iniziato minuziose analisi e comparazioni tra le fattezze dell’individuo da identificare e le foto di numerosi soggetti censiti nella Banca Dati delle Forze di Polizia. La svolta c’è stata quando la comparazione ha portato inconfutabilmente all’identificazione dell’indagato, peraltro risultato gravato da precedenti specifici. Le accuse nei suoi confronti, suffragate anche da altri validi elementi probatori, sono state così condiviso dal GIP del Tribunale di Bari che, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha disposto l’arresto del 41enne, l’applicando la misura cautelare in carcere. Continuano le ricerche dei complici dell'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento