rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca Giovinazzo

Maxi furto in un'azienda leccese, refurtiva ritrovata in una masseria: indagato un barese

Il colpo era avvenuto a fine luglio nei magazzini della 'Tutto piscine' a Cavallino. Parte della merce sottratta era nascosta nell'abitazione, costruita tra le campagne di Giovinazzo

Pompe a immersione e idrauliche, attrezzatura per lavoro, trapani, robottini: sono solo alcuni degli oggetti sottratti a fine luglio durante il furto ai danni dell'azienda leccese 'Tutto piscine' e ritrovati - in parte - dai Carabinieri in una masseria nelle campagne di Giovinazzo. Per ricostruire il percorso compiuto dalla refurtiva i militari hanno sfruttato i gps installati nei due veicoli usati per trasportare la merce rubata nel magazzino di Cavallino, in provincia di Lecce.

In primis sono stati così ritrovati i due mezzi, una Ford Transit e una Fiat Iveco, del valore di 30mila euro. A quel punto le ricerche si sono trasferite nel Barese: un controllo sui tabulati del gps ha permesso di scoprire che i mezzi avevano fatto sosta per lungo tempo nelle campagne di Giovinazzo, dove poi i Carabinieri hanno trovato la masseria in cui era nascosta parte della refurtiva. Un 65enne, residente nella provincia di Bari e con precedenti, è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di furto aggravato in concorso (al momento con ignoti). Le indagini intanto proseguono: il valore degli oggetti recuperati è di 4mila euro, molto poco se si pensa che in totale il colpo ha fruttato ai ladri ben 40mila euro di merce.

Maggiori dettagli nell'articolo di Lecceprima 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi furto in un'azienda leccese, refurtiva ritrovata in una masseria: indagato un barese

BariToday è in caricamento