rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Acquaviva delle Fonti

Nuovo furto di rame sulla Bari-Taranto: danni per 100mila euro, circolazione rallentata

Ennesimo 'colpo' nella notte tra Acquaviva e Bitetto. Disagi per i viaggiatori: per l'intera giornata i treni viaggeranno su unico binario, allungando i tempi di viaggio di circa 15 minuti

I furti di rame sulle linee ferroviarie sono sempre più frequenti, e i primi a farne le spese sono immancabilmente i viaggiatori. L'ennesimo episodio questa notte, sulla linea Bari-Taranto, tra Acquaviva delle Fonti e Bitetto.

Ignoti hanno tranciato e asportato i cavi dalla linea di alimentazione elettrica dei treni, provocando un danno complessivo di 100mila euro e causando disagi ai viaggiatori. Per tutta la giornata di oggi, infatti,  la circolazione si svolgerà, sul tratto interessato, su un solo binario. I treni in partenza da Bari e diretti a Taranto allungheranno i tempi di viaggio di circa 15 minuti, e alcuni treni potranno limitare il percorso o essere sostituiti con bus.

"Nei primi otto mesi del 2015 - è detto in una nota di Rfi - solo nella provincia di Bari, sono stati 26 gli episodi di furto o tentata asportazione di rame subiti da Rete Ferroviaria Italiana. Le tratte più colpite sono la Modugno- Bitetto (4) , la Acquaviva delle Fonti- Sannicandro (7), la Gravina in Puglia-Altamura (5), la Poggiorsini-Gravina in Puglia (5) e la Molfetta –Giovinazzo (5). L’asportazione di rame non comporta – nel modo più assoluto – problemi di sicurezza alla circolazione dei treni, ma solo rallentamenti e ritardi. La sottrazione del materiale, infatti, provoca l’attivazione istantanea dei sistemi di sicurezza che governano le tecnologie in uso nella gestione del traffico ferroviario, con arresto immediato dei treni".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo furto di rame sulla Bari-Taranto: danni per 100mila euro, circolazione rallentata

BariToday è in caricamento