Gattini avvelenati a Santo Spirito, sul posto il sopralluogo delle guardie zoofile: "Trovate tracce di esche"

Dopo le segnalazioni dei residenti raccolte da BariToday, martedì mattina le guardie sono intervenute con un'unità cinofila: pur non avendo trovato nuove esche sono state comunque rilevate "molecole" di veleno: "Fondamentale l'allarme lanciato dai cittadini"

Il sopralluogo delle Guardie zoofile a Santo Spirito

La presenza di nuove esche, almeno per il momento, è stata esclusa, grazie ad un sopralluogo del Nucleo provinciale delle Guardie Zoofile avvenuto martedì mattina, ma i residenti di via Ungaro, a Santo Spirito, restano comunque in allerta. Dopo le segnalazioni di alcuni cittadini raccolte da BariToday, relative a recenti episodi di gatti avvelenati in zona (almeno quattro i cuccioli ritrovato morti - riferiscono - l'ultimo lo scorso 21 luglio), e l'interessamento di alcuni volontari del Sass, sul posto sono giunte le guardie zoofile, che con l'aiuto di un'unità cinofila hanno perlustrato l'area da via Ungaro fino a ridosso della statale 16.

Anche se nessun'altra esca è stata materialmente trovata, il cane avrebbe comunque rilevato in più punti tracce di veleno, a quanto pare un topicida, a riprova del fatto che effettivamente qualcuno abbia agito in maniera deliberata (e sconsiderata) per piazzare le pasticche - forse anche, è una delle ipotesi, per disinfestare alcuni campi incolti presenti in zona - che potrebbero poi essere state ingerite dai gattini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il cane - spiegano nel dettaglio dal Nucleo provinciale delle Guardie zoofile - ha segnalato la presenza di molecole riconducibili al veleno contenuto in topicidi di uso commerciale, che usati in modo improprio possono causare intossicazione e anche morte negli animali. E' probabile che qualcuno in zona abbia fatto uso di queste sostanze, ma non avendo potuto recuperare alcune delle carcasse, non ci è stato possibile portarle presso la Asl veterinaria, come prevede la prassi, per verificare le cause specifiche della morte dei gattini. Abbiamo anche informato Ufficio Igiene del Comune e forze dell'ordine competenti del nostro intervento, ma dal momento che materialmente non sono state trovate esche non è stato possibile procedere con una denuncia. Comunque - proseguono - all'interno dei condomini il cane non ha segnalato nulla, e questo è servito anche a rassicurare i residenti preoccupati per la possibile presenza di veleno nei cortili". "Per il momento, resta un livello di pre-allerta. Di certo - concludono - fondamentale in questo caso è stata la mobilitazione dei residenti che hanno sollevato il caso e si sono interessati attivamente al problema. Noi abbiamo solo fatto dei rilevamenti che sono serviti a scongiurare, almeno fino a ieri, la presenza di altre esche e quindi di altri potenziali pericoli per gli animali".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • "Servono misure severe ovunque in Italia": anche Emiliano segue la 'via De Luca' e non esclude il lockdown

  • Si avvicina il lockdown 'morbido'? Ipotesi coprifuoco nazionale dalle 21 alle 5 per fermare la corsa del covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento