Cronaca Murat / Giardini Isabella d'Aragona

Lavori giardino Isabella d'Aragona, Carrieri: "Pini abbattuti? Cantiere di distruzione"

Il consigliere comunale di centrodestra scrive alla Soprintendenza. "Valutare eventuale danno botanico e compensazione adeguata prima di autorizzare ripresa delle opere"

"Prima di autorizzare la ripresa dei lavori la Soprintendenza dovrebbe quantificare il danno botanico e ordinare una compensanzione ambientale adeguata perché, a mio avviso, siamo in presenza di un cantiere più di distruzione che di riqualificazione, al limite della legalità". Il consigliere comunale barese Giuseppe Carrieri (Impegno Civile), ha inviato una lettera al soprintendente per l’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della città metropolitana di Bari, Luigi La Rocca, sulla vicenda dei 55 pini adulti abbattuti nel corso dei lavori di ristrutturazione dei giardini Isabella d'Aragona, un numero decisamente superiore al previsto e sul quale proprio i tecnici dei Beni Culturali vi è al momento un'analisi con il Comune

"Ho espresso il mio compiacimento per la disposta sospensione dei lavori del giardino Isabella d’Aragona - afferma Carrieri - . E sopratutto ho chiesto che  l’autorizzazione alla ripresa dei lavori venga data solo a seguito dell’esatta valutazione, a parte di tecnico della Soprintendenza, del danno ornamentale e ambientale inferto al verde urbano, al fine cosi’ di avere puntuale contezza della compensazione botanica da effettuare. Rilevo peraltro che, in violazione della normativa esistente,  nel cantiere non è stato apposto alcun cartello informativo contenente  i dati relativi all’impresa esecutrice, al tempo e all’importo lavori", conclude il consigliere di centrodestra nella lettera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori giardino Isabella d'Aragona, Carrieri: "Pini abbattuti? Cantiere di distruzione"

BariToday è in caricamento