Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca Torre a Mare / Via Morelli E. Silvati

Cespugli, specchi e boschi di bambù: a Torre a Mare un giardino per gli studenti della 'Aquaro'

Grazie al progetto "Fare scuola" di Enel è stato costruito un'area verde con elementi fissi e su binario all'esterno della materna Elisabetta e Chiara Aquaro. Presente all'inaugurazione anche il sindaco Decaro

Cespugli profumati e colorati, una collina con un bosco di bambù e specchi triangolari su tutti i lati. L'esterno della scuola materna Elisabetta e Chiara Aquaro a Torre a Mare ora ha uno spazio per permettere agli studenti di scoprire la natura giocando. Il tutto in un ambiente modulabile, visto che molti degli elementi installati sono montati su binari. A creare lo speciale giardino è stato il progetto "Fare scuola" di Enel, grazie al quale l'architetto Carmelo Baglivo dello Studio B-A-N di Roma ha potuto riqualificare gli ambienti esterni dell'istituto. È stata anche realizzata un’aula all’aperto - ospitata sotto un gazebo - con diversi piani di ardesia, circolari e orizzontali, su cui poter raccontare storie, fumetti, sperimentare le qualità dei materiali naturali.

DSC_0015-2All'inaugurazione dello spazio sono intervenuti questa mattina il sindaco di Bari Antonio Decaro, l'assessore alle Politiche giovanili Paola Romano, il rappresentante della Onlus 'Enel cuore' Angelo Di Giovine e la dirigente della scuola materna Annamaria La Gattolla. "Il 'Giardino dei paesaggi' vuole offrire ai bambini e agli adulti un parco ricco di episodi - ha spiegato Di Giovine - con confini provvisori che aprono e lasciano intravedere altri mondi possibili con l’intenzione di disegnare un paesaggio dinamico dove la mutevolezza della natura dialoghi con interventi che creano spaesamenti e diverse percezioni".

Il progetto 'Fare scuola' è stato lanciato nel 2015 dalla Fondazione Reggio Children - Centro Loris Malaguzzi ed Enel Cuore Onlus con l’obiettivo di intervenire in 60 scuole dell’infanzia e primarie nel territorio nazionale nell’arco di 3 anni, per migliorare la qualità degli ambienti  scolastici intesi come contesti di apprendimento e luoghi di relazione. Il progetto mette in dialogo l’esperienza pedagogica di Reggio Emilia con la conoscenza dei contesti di solidarietà sociale di Enel Cuore Onlus.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cespugli, specchi e boschi di bambù: a Torre a Mare un giardino per gli studenti della 'Aquaro'

BariToday è in caricamento